Nuova intesa per il vino tra Cina e Nuova Zelanda

Stretto un nuovo accordo a livello regionale tra l’amministrazione di Marlborough e il governo di Ningxia. Sul piatto tecnologia vitivinicola e corsi di formazione per enologi cinesi

In occasione di un viaggio ufficiale in Cina avvenuto nei primi giorni di settembre, John Leggett, Mayor del distretto neozelandese di Marlborough, ha siglato un accordo d’intesa con Xian Hui, Governatrice della regione di Ningxia.

Tra le due regioni, che sono tra le più importanti per la produzione di vino nei rispettivi paesi,

era già stato stretto un memorandum d’intesa sul vino nell’aprile del 2016.

Secondo quanto riportato dal portale d’informazione neozelandese Stuff, l’accordo vuole creare una via privilegiata d’ingresso in Cina per le aziende neozelandesi produttrici di tecnologia per il settore vitivinicolo e prevede inoltre l’istituzione di corsi di formazione e tirocini in Nuova Zelanda per studenti cinesi.

Tra Cina e Nuova Zelanda è in essere un accordo di libero scambio siglato nel 2008 e oggi l’industria del vino neozelandese ha come obiettivo quello di incrementare sempre più le sue esportazioni vinicole, che grazie soprattutto a destinazioni come gli Stati Uniti hanno raggiunto lo scorso anno un nuovo record in termini di valore (ne avevamo parlato qui).

FEB

 

Sezione: Dai Mercati. Tag: libero scambio, Marlborough e Ningxia. Area Geografica: Cina e Nuova Zelanda. Categorie News Corriere: Enologia e Mercati.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top