No al Prosecco “in bustina”

Aldi ha messo in vendita un infuso aromatizzato al profumo di Prosecco. Forte la reazione del Consorzio di Tutela che ha già segnalato al MIPAAF e richiesto l’immediato ritiro del prodotto dal commercio

La popolarità del Prosecco tra i consumatori del Regno Unito porta grandi soddisfazioni ai produttori italiani (lo confermano anche i dati di crescita delle spedizioni del trimestre luglio-settembre, per i quali rimandiamo al n.39 del Corriere Vinicolo pubblicato lo scorso 5 dicembre), ma ha – purtroppo, è il caso di dirlo – anche curiose derive.

Curiosa è, infatti, la proposta del discount Aldi che, in occasione delle imminenti festività natalizie, ha messo in commercio bustine per la preparazione di un infuso senza caffeina aromatizzato proprio al Prosecco. Il prodotto è in vendita al prezzo di 1.89 sterline per ogni confezione contenete 15 bustine da the, e fa parte di una selezione a marchio Specially Selected, che comprende anche altri simili infusi, tra cui uno aromatizzato al vin brulè.

L’immissione in commercio dell’Italian Prosecco Infusion ha, come c’era d’aspettarsi, subito scatenato vive e ferme proteste del Consorzio di Tutela del Prosecco Doc. Come riportato anche da Ansa, che cita il Corriere Veneto, il Presidente del Consorzio, Stefano Zanette, avrebbe chiesto l’immediato ritiro del prodotto dagli scaffali di Aldi, sottolineando inoltre che sarebbero già partite segnalazioni in merito all’Ispettorato centrale della repressioni frodi del MIPAAF.

FEB

 

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top