USA: canale DtC sempre più dinamico

Nell’anno a marzo le vendite dirette al consumatore si sono incrementate del 10% in valore; quelle del canale off-primise del 6%. Gli scambi interni sono in generale cresciuti del 5% in dodici mesi, fino a superare 38,4 miliardi di dollari

Secondo le ultime statistiche diffuse da Wines Vines Analytics, negli Stati Uniti e nell’anno a marzo 2016, le vendite di vino Direct-to-consumer si sono incrementate del 10%, raggiungendo il valore di 2,052 miliardi di dollari.

 

Continua dunque la crescita di questo canale, già rilevata da ShipCompliant, quando nel report 2016 Direct-to-Consumer Wine Shipping, pubblicato nei primi giorni di febbraio (si veda qui), si indicava per il 2015 un valore delle vendite di vino dirette al consumatore di quasi due miliardi di dollari, e una crescita anno su anno del 8,1%.

Meno dinamico, ma comunque in attivo, il canale dell’off-premise del vino domestico, cresciuto in dodici mesi del 6%; accumulate nell’anno vendite al dettaglio per circa 8,572 miliardi di dollari, quando lo scorso anno si era arrivati a 8,068 miliardi di dollari (dati IRI).

In generale l’US wine market è cresciuto in 12 mesi del 5%, per un fatturato totale di 38,442 miliardi di dollari,  quando l’anno precedente erano state tracciate vendite per 36,702 miliardi di dollari (dati BW166).

FEB

 

Sezione: Dai Mercati. Tag: BW166, DtC, iri, off-premise Usa, ShipC, wine vines analytics e Wines&Vines. Area Geografica: USA. Categorie News Corriere: Consumi e Mercati.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top