Toscana, contributi per le certificazioni

La Regione può concedere un finanziamento pari al 70% dei costi di certificazione dalle Dop e Igp fino alle Doc, Docg e Igt dei vini, passando dal settore del biologico e Agriqualità. Le domande potranno essere presentate entro il 29 febbraio 2012 utilizzando la modulistica sul sito www.artea.toscana.it

Sostenere la qualità dei prodotti agroalimentari della Toscana. Questo l’obiettivo del bando pubblicato sul Burt, Bollettino ufficiale della Regione Toscana, n.52 Parte III. Riguarda l’attuazione, per l’annualità 2012, della Misura Psr 132: “Partecipazione degli agricoltori ai sistemi di qualità alimentare”. Sono finanziabili i costi di certificazione sostenuti per la partecipazione degli imprenditori agricoli professionali ai sistemi di qualità alimentare volti al miglioramento delle produzioni agro – alimentari e a incrementarne il loro valore aggiunto. Ecco le novità e le caratteristiche salienti del bando, che per l’annualità 2012 riguarda l’intero territorio (comprese Comunità Montane e Unioni dei Comuni) delle province di Arezzo, Lucca, Massa e Carrara, Prato e Siena. Partecipazione degli agricoltori ai sistemi di qualità alimentare. Con la misura 132 gli Imprenditori agricoli professionali (Iap) possono usufruire di finanziamenti comunitari messi a disposizione dalla Regione Toscana per il sostenimento dei costi di certificazione per la partecipazione ai seguenti sistemi di qualità: 1) Dop e Igp; 2) Docg, Doc e Igt; 3) Biologico; 4) Agriqualità. Il tasso di contribuzione è pari al 70% del costo sostenuto nell’anno solare di riferimento. Le domande di aiuto potranno essere presentate, per l’annualità 2012, fino alle ore 13.00 del 29 febbraio 2012 utilizzando esclusivamente la modulistica disponibile sul sito www.artea.toscana.it. Le domande dovranno essere presentate all’ambito della Dichiarazione unica aziendale (Dua), sono esenti da bollo e saranno inserite in una graduatoria unica a livello provinciale. Potranno essere sottoscritte dai richiedenti attraverso i centri di assistenza agricola o nel sistema Artea.

Related posts

Commenta questo articolo

Top