Tornano a crescere le vendite di liquori nello stato di Washington

Dopo il calo di giugno ecco che i consumatori, che ora possono acquistare distillati nei grandi magazzini, hanno risollevato le vendite del 15,4% nel mese di luglio

 

I consumi di liquori tornano a crescere nello Stato di Washington nel mese di luglio: le vendite hanno avuto un incremento del 15,4% rispetto allo stesso mese del 2012 dopo un giugno caratterizzato da un rallentamento. Dal primo di giugno nello Stato nord occidentale degli Usa è terminato il monopolio statale sulla vendita di distillati (ne abbiamo parlato qui) e questo aveva comportato un aumento delle vendite nel mese di maggio perché ci si aspettava che il nuovo sistema avrebbe causato un aumento dei prezzi. A maggio, infatti, le vendite al dettaglio sono cresciute del 20% (+47% quelle in bar e ristoranti) per poi cedere del 3% nel mese successivo (-27% quelle in bar e ristoranti). Secondo gli osservatori l’aumento dei prezzi c’è effettivamente stato e oggi ancora i liquori si pagano di più rispetto a quando era in vigore il sistema statale, cosa confermata anche dall’aumento degli introiti provenienti dalla tassazione, ma probabilmente i consumatori hanno terminato le scorte fatte prima del primo giugno.

Nonostante l’oscillazione tra maggio giugno e luglio il trimestre chiude comunque in positivo con un +10,7% nelle vendite di distillati rispetto allo stesso periodo del 2011.

FEB

 

Sezione: Dai Mercati. Tag: consumi Usa, liquori, monopolio, proibizionismo, Stato di Washington e superalcolici. Area Geografica: USA. Categorie News Corriere: Consumi e Mercati.

Related posts

Commenta questo articolo

Top