Singapore, mercato del vino (presto) da 1,4 miliardi di dollari

Traguardo previsto per il 2021 secondo GlobalData. La crescita dei redditi spinge le vendite di vino fermo e di spumanti di qualità e a marchio, “favoriti” dalla tassa fissa sulle bevande alcoliche

 Una recente analisi di GlobalData sul mercato del vino nella Repubblica di Singapore - Top Growth Opportunities: Wine in Singapore - ha evidenziato un consistente incremento del consumo di vino di qualità, fattore che insieme ad altri porterà questo mercato – già valutato per il 2016 un miliardo di dollari – a raggiungere entro il 2021 il valore di 1,4 miliardi di dollari: previsto un Compound Annual Growth Rate (CARG) del 5,4% per il periodo 2016-2021.

Più nel dettaglio GlobalData indica per il vino fermo premium – la categoria oggi più dinamica – un tasso di crescita CARG del 5,2% per il periodo 2016-2021, mentre per gli sparkling ci si aspetta un CARG del 5,1%.  Meno veloce, ma lo stesso consistente, la crescita attesa per la categoria vini fortificati: CARG +3,2%.

Il buono stato di salute dell’economia di uno dei più importanti centri finanziari del mondo e la conseguente crescita del reddito medio sono i principali d’incremento delle vendite di vino.

Inoltre il consumo di vino di qualità e a marchio è oggi favorito dalla forte tassa sugli alcolici vigente nel paese; definita  “sin tax” (si potrebbe tradurre con “tassa sul peccato”), è un’imposta  fissa sul volume che sfavorisce i prodotti più economici (e le private label), spingendo invece i consumatori all’acquisto di vino premium per il quale un prezzo alto appare più giustificato dalla qualità e dal brand.

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: fascia premium, GlobalData, premium e singapore. Area Geografica: Singapore. Categorie News Corriere: Mercati.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top