La popolazione invecchia e cambiano i consumi di vino

In una serie di workshop di Wine Intelligence messe sotto la lente le tendenze demografiche in atto nel mondo e il loro peso sul mercato

Le opportunità future nel mercato del vino sono oggetto dei workshop internazionali Drive Future Value in Wine, organizzati da Wine Intelligence. La serie d’incontri ha già toccato le città di Londra (27 settembre), Madrid (4 ottobre) e Lisbona (12 ottobre), e sono già previsti gli appuntamenti di Santiago del Cile  per il prossimo 6 novembre, San Paolo del Brasile per il prossimo 9 novembre (il tour toccherà poi anche Germania, Sudafrica, Italia, Francia e Canada, le date saranno presto annunciate).

Tra i principali temi trattati, l’impatto dei cambiamenti demografici sui consumi di vino: in questa prospettiva, una delle tendenze più rilevanti è quella della crescita dell’età media della popolazione mondiale.

La questione è stata ripresa da Wine Australia, che nel suo bollettino di mercato n. 129 (fonte per noi di questi dati, si veda qui) cita alcuni dati presentati da Wine Intelligence nelle sopracitate tavole rotonde.

Secondo l’Onu entro il 2030 la popolazione del pianeta crescerà del 12%, fino a 8,5 miliardi di persone, con picchi di crescita in paesi come India, Nigeria, Pakistan, Congo ed Etiopia e questo incremento deve essere letto anche in funzione della maggiore aspettativa di vita, e dunque nello spostamento verso una più alta età media della popolazione.

Ciò ha già dato significativi esiti sul mercato del vino. Vediamo ad esempio cosa rilevato da Wine Intelligence circa la quota dei bevitori più anziani tra i consumatori abituali di vino in alcuni importanti mercati:

- Stati Uniti: tra 2014 e 2018 la quota degli over 65 tra i consumatori abituali di vino è passata dal 16 al 21% tra 2014 e 2018

- Australia: tra il 2012 e  2018, la quota degli over 65 tra i consumatori abituali di vino è passata dal 12 al 20%.

- UK: tra il 2013 e 2017, la quota degli over 65 tra i consumatori abituali di vino è rimasta stabile al 22%

- Germania, tra 2016 e 2017, la quota degli over 55 tra i consumatori abituali di vino è passata dal 42 al 46%.

- Giappone,  tra il 2014 e  2018, la quota degli over 55 tra i consumatori abituali di vino è passata dal 48 al 49%.

- Cina, tra il 2011 e  2018, la quota dei consumatori di età compresa tra 40 e 54 anni è passata da 26 al 37%.

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: Drive Future Value in Wine, Wine Australia e wine intelligence. Area Geografica: Mondo. Categorie News Corriere: Consumi e Eventi e appuntamenti.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top