La mitologia del vino in un’etichetta

Cantina Valpolicella Negrar protagonista di un concorso internazionale di idee di graphic design. Dead line per partecipare 12 febbraio 2017. Premiazione il 9 aprile 2017 a Vinitaly

WineMythologyLabelok

Dopo il successo ottenuto nel 2014 – 430 progetti pervenuti da 80 paesi del mondo – per il concorso internazionale di progettazione “Wine Culture Centre”, realizzato in sinergia con YAC (Young Architects Competitions) in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Verona, e la cui attuazione è prevista nel prossimo quinquennio, Cantina Valpolicella Negrar (www.cantinanegrar.it) si rende protagonista di un nuovo concorso di idee, questa volta destinato a favorire la produzione e la diffusione della cultura del design nel mondo del vino. Si tratta del concorso internazionale Domìni Veneti “Wine Mythology Label”, promosso da CODE (COmpetitions for DEsigners), network internazionale di artisti, designer e progettisti, orientato all’affermazione della ricerca in ambito progettuale attraverso concorsi di design. Il concorso, realizzato con la partnership tecnica di UPM Raflatac e Grafical, è finalizzato alla creazione di un’etichetta Limited Edition per una selezione di Amarone della Cantina, ed è aperto a designer, artisti e progettisti.

Modalità di partecipazione. Sino al 12 febbraio 2017, i concorrenti potranno iscriversi nel sito www.competitionsfordesigners.com , gli elaborati andranno consegnati il 15 febbraio, il 20 febbraio inizieranno i lavori della giuria ed il 20 marzo è prevista la pubblicazione dei risultati. Il 9 aprile 2017, in occasione di Vinitaly, ci saranno la presentazione dei risultati del concorso e la premiazione dei vincitori. Oltre alla realizzazione dell’etichetta vincitrice, al primo classificato andranno 5 mila euro, al secondo classificato 2 mila euro, al terzo classificato 1000 euro. Previste anche 4 menzioni Gold da 500 euro ciascuna.

Il titolo del concorso rende omaggio alla mitologia greca, che ha legato la viticoltura a un dio protettore, Dioniso, nonché alla figura di Ulisse, l’eroe per eccellenza del mito greco scelto dalla Cantina nel 2013 – in occasione della celebrazione degli ottanta anni di attività – per la propria identità aziendale. Al pari di Ulisse, la Cantina ha dimostrato, infatti, di avere lungimiranza, intraprendenza, intuito, desiderio di superare i confini, pur restando radicata nel territorio. Un mitico testimonial protagonista de “Lo sguardo di Ulisse”, scultura bronzea dell’artista Raffaella Robustelli ((1938-2008) che oggi accoglie i visitatori all’ingresso della Cantina. La scelta di destinare l’etichetta vincitrice ad una selezione di Amarone è spiegata da Renzo Bighignoli, presidente di Cantina Valpolicella Negrar: “Tradizione e internazionalizzazione fanno dell’Amarone un prodotto d’eccellenza che ha saputo evolversi e oltrepassare i confini della Valpolicella conquistando il gusto e l’apprezzamento in tutto il mondo. L’etichetta vincitrice vestirà, quindi, un Amarone destinato a soddisfare il desiderio di collezionisti che guardano all’unicità e alla preziosità di vino e opera di graphic design“.

La giuria del concorso, a cui partecipa anche Daniele Accordini, enologo e direttore generale della cantina cooperativa, è composta da un gruppo scelto da CODE fra i più rappresentativi esperti di grafica e design a livello internazionale: David Carson, designer statunitense, guru mondiale per il graphic design e la comunicazione visiva; Studio Sawdust, gruppo di designer inglesi che da un decennio dettano legge in fatto di produzione grafica commerciale mantenendo uno standard artistico altissimo; Alessandra Scandella, maestra nell’utilizzo di china e acquerello, lavora in pubblicità e in editoria; Amelia Valletta, docente alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano e all’Academic Project Leader senior di Domus Academy, riferimento internazionale per lo Strategic Design; Flaviano Celaschi, professore ordinario di Disegno Industriale del Dipartimento di Architettura, Alma Mater Studiorum all’Università di Bologna, si occupa d’innovazione trainata dal design e d’innovazione dei processi creativi; Enrico Fornaroli, direttore dell’Accademia delle Belle Arti di Bologna, Matteo Oreste Ingaramo, direttore di POLI Design, Consorzio del Politecnico di Milano per la formazione continua e la promozione del design presso enti e imprese. Tra i giurati, anche Lorenzo Ruggeri, giornalista che collabora al Gambero Rosso, responsabile del progetto Top Italian Restaurants, prima guida digitale dedicata ai migliori locali di cucina italiana all’estero.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top