Export italiano di vino per fasce di prezzo

Il posizionamento dei vini fermi Dop e Igp indica una costante riqualificazione verso l'alto negli ultimi cinque anni

????????????????????????????????????????????????????????

Un processo di graduale riqualificazione sta accompagnando l’export di vini italiani nel mondo. Lo si evince dalle statistiche, che indicano una costante crescita del prezzo medio dei nostri vini per il mondo. Tra i protagonisti di questo upgrade ci sono i vini con Indicazione geografica, quindi Doc-Docg e Igt/Igp, che costituiscono il grosso delle esportazioni di vini fermi in bottiglia.
Attraverso alcune elaborazioni abbiamo ricostruito il price point di ognuna delle due categorie negli ultimi 5 anni, per identificare dove si stia effettivamente crescendo.

Per i vini Dop, il cui export dal 2010 al 2014 è cresciuto da 1,5 a 1,8 miliardi di euro, vi è una costante dinamica di aumento del posizionamento: se nel 2010 il 30% circa dei vini esportati era nella fascia sotto i 3 euro al litro (450 milioni di euro), quatto anni dopo questa fascia è andata asciugandosi, fino a diventare assolutamente marginale (3%). A crescere sono state soprattutto la fascia 3-5, passata da 752 milioni del 2010 al miliardo del 2014, dove ha trovato una sua stabilizzazione attorno al 60%. Quella che continua invece a crescere in maniera più decisa è la fascia immediatamente superiore (5-7 euro), che ha raddoppiato il proprio peso (dal 17% al 33%), quasi triplicando i fatturati: da 255 a 610 milioni di euro. In crescita anche le fasce top, soprattutto quella sopra i 9 euro al litro, arrivata al 4% di quota, complice il lento posizionamento dei vini italiani su mercati più remunerativi come – tra gli altri – Singapore e Hong Kong.

 

 

Tendenzialmente simile nelle dinamiche la situazione dei vini Igp: qui però, al contrario dei vini Dop, la crescita nel 2014 non si è arrestata, ma anzi si è arrivati al record del miliardo e 300 milioni di euro, contro i 979 del 2010. La fascia basic (sotto i 2 euro al litro), pur restando stabile sopra i 200 milioni, ha perso di peso: dal 26% al 17%. Un peso guadagnato a cavallo del 2012 dai vini prezzati tra 2 e 3 euro, al record di 442 milioni nel 2012, ma poi ridiscesi nel 2014 a 363, per pesi percentuali sbalzati dal picco del 38% al 28%. La crescita quindi sta tutta nella fascia superiore, quella tra 3 e 4 euro al litro: 200 milioni in due anni, per una quota sul totale passata dal 20% al 32%. In crescita, anche se meno tumultuosa, le fasce al vertice: la 4-5 euro sta al 13%, con un guadagno in termini monetari nel quadriennio di poco meno di una quarantina di milioni di euro, mentre quella top, sopra 5 euro, porta in cascina una trentina di milioni in più, per un peso percentuale rimasto stabile attorno all’11%.

Sezione: Italia. Tag: export, fasce di prezzo, igp, Igt, price point e vini dop. Area Geografica: Italia. Categorie News Corriere: Aziende, Denominazioni, Mercati e Statistica.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top