Enovitis in campo 2016, il programma degli eventi collaterali

L’edizione pugliese di Enovitis in Campo punta a migliorare ancora di più la performance siciliana con un programma ricco e diversificato dedicato alla viticoltura di precisione, alle energie alternative ma anche all’olivicoltura, argomenti che saranno sviluppati anche grazie a un ampio programma di convegni e workshop ospitati in due tensostrutture dedicate

Torrevento

I CONVEGNI

VITICOLTURA BIOLOGICA
Venerdì 17 giugno ore 9,30 – 11,00
Il vino biologico, prodotto secondo le nuove norme recentemente approvate in sede di Unione Europea e recepite dall’Italia, sta vivendo un periodo di grande sviluppo. In particolare nella Regione Puglia e nella Regioni limitrofe la viticoltura biologica ha registrato negli anni recenti incrementi percentuali a due cifre e l’interesse è tutt’ora in grande crescita. Organizzato da Il Corriere Vinicolo in collaborazione con Valoritalia

IL ROSATO TESTIMONE DI UNA TRADIZIONE, SCOMMESSA SUL FUTURO
Venerdì 17 giugno ore 9,30 – 11,00
Il rosato ha sfatato un pregiudizio, riscoperto una traccia produttiva ingiustamente sottostimata, è stato rivalutato e valorizzato, reso ricco di dignità e qualità elevandolo alla grande tradizione dei vini. Il mondo del rosato è molto vasto e copre un ventaglio di possibilità in termini di gusto, equilibrio e quindi di adattamento al mercato globale.

AGRICOLTURA DI PRECISIONE: ESPERIENZE IN PUGLIA
Sabato 18 giugno ore 9,30 – 11,00
Anche nel Sud Italia stanno crescendo le esperienze e le ricerche in tema di agricoltura di precisione e Unione Italiana Vini, tramite il progetto Tergeo, con questo incontro si ripromette di aggiornare sui recenti sviluppi. Tra le case history, il progetto di ricerca portato avanti proprio a Torrevento dall’Università di Perugia e dal Crea.

NORD E SUD PUGLIA: DUE VITICOLTURE A CONFRONTO
Sabato 18 giugno ore 11,30 – 13,00
Il Nord e il Sud della Puglia presentano peculiarità e tratti distintivi che hanno seguito percorsi di valorizzazione diversi: il punto sulla situazione e le prospettive nelle parole dei protagonisti.

 

I WORKSHOP TECNICO-SCIENTIFICI

LA GESTIONE DEL SUOLO NELL’INTERFILA E NEL SOTTOFILA DEL VIGNETO
Venerdì 17 giugno ore 11,30 – 13,30
Il ruolo del suolo nella coltivazione della vite e la sua influenza sulla qualità dell’uva e del vino sono stati oggetto di recenti approfondimenti che promettono di influenzare significativamente le tecniche colturali e in generale la gestione del vigneto. La corretta gestione del suolo è particolarmente rilevante nel Sud Italia dove il controllo delle infestanti e la gestione dell’acqua hanno un ruolo fondamentale nella ricerca della qualità. Il seminario intende rispondere ad alcuni quesiti: inerbimento o lavorazione dell’interfila? Diserbo, trinciatura o lavorazione del sottofila? Quesiti semplici per i quali ricerca e tecnologia offrono oggi nuove soluzioni.

MECCANIZZAZIONE DELL’OLIVO
Venerdì 17 giugno ore 14,00 – 16,00
Le operazioni colturali dell’olivo sono estremamente onerose sia dal punto di vista economico che di impegno di mano d’opera e nonostante i molti anni di studi e sperimentazioni non si è ancora giunti a soluzioni ottimali. Unione Italiana Vini organizza un seminario dedicato alle soluzioni più innovative per la meccanizzazione dell’olivo, ponendo a confronto tecniche agevolatrici e cantieri di meccanizzazione integrale. Ricercatori del Crea presenteranno risultati di loro ricerche e sperimentazioni, mentre aziende olivicole riassumeranno le esperienze da loro maturate. Il seminario sarà completato da una visita guidata alle attrezzature esposte a Enovitis in Campo.

NUOVE VARIETÀ RESISTENTI ALLE MALATTIE E I NUOVI PORTINNESTI SERIE M
Sabato 18 giugno ore 9,30 – 11,00
Seminario Tergeo in collaborazione con Vivai Cooperativi Rauscedo per presentare le nuove varietà che consentono e evitare o ridurre drasticamente gli interventi con fitofarmaci contro la peronospora e l’oidio. Verranno inoltre presentati i nuovi portinnesti della serie M con prestazioni nettamente migliori di quelli storici abitualmente utilizzati anche in Puglia.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top