StampaUnione Italiana Vini è dal 1895 l’associazione delle imprese del vino italiane: vi aderiscono circa 500 aziende, espressione delle varie anime che compongono la filiera, che rappresentano un fatturato pari al 70% dell’export italiano di vino. Ne tutela gli interessi in sede politica, garantisce lo sviluppo del settore vinicolo in Italia secondo le regole della trasparenza e del libero mercato, promuove la cultura della vite e del vino in Italia e nel mondo.

Unione Italiana Vini è costituita da tre Federazioni (Commercio Vinicolo, Industriali Vinicoli e Viticoltori e Produttori Vinicoli), ciascuna con un proprio presidente e Cda, eletti dall’Assemblea dei Soci, i quali vanno a comporre il Consiglio nazionale di Unione Italiana Vini. Di questo organo fanno parte di diritto anche i presidenti delle Associazioni affiliate, Med.&A., Agivi e Anformape, queste ultime con ulteriori membri oltre al presidente.

 

I servizi: laboratori, promozione, fiere, editoria
Oltre al ruolo di rappresentanza politica, Unione Italiana Vini fornisce servizi avanzati pensati su misura delle esigenze delle imprese del settore vino.

La sua rete di laboratori, con sede centrale in Verona, riconosciuta come una delle strutture all’avanguardia in Italia per tecnologie e mezzi impiegati, garantisce ogni giorno sulla genuinità e sulla qualità sensoriale dei prodotti, in particolare nei confronti dei soggetti deputati al controllo delle produzioni a denominazione di origine e indicazione geografica e delle catene della Grande distribuzione organizzata, presso la quale si è accreditata come partner strategico e super partes nella fase di scelta e monitoraggio della costanza qualitativa delle forniture.

Unione Italiana Vini supporta le imprese nello sforzo di costante allineamento con un mondo che cambia e chiede nuovi e crescenti livelli di sicurezza e tracciabilità sia di processo, sia di prodotto. La Business Unit “Consulenza-EIQS”, formata da specialisti nell’ambito certificazione, ha accompagnato centinaia di imprese italiane verso l’obiettivo della riorganizzazione aziendale adeguandole ai più avanzati standard internazionali (ISO, GSFS, IFS).

Unione Italiana Vini è promotrice del progetto “Tergeo”, la cui mission è fornire alle imprese un percorso strutturato verso l’obiettivo“sostenibilità globale”: ne garantiscono lo sviluppo coerente con l’obiettivo centri di ricerca e università, un panel di case vinicole di primissimo livello e i partner tecnologici della filiera vigna-cantina.

Unione Italiana Vini è al fianco delle imprese nel loro sforzo quotidiano di promozione verso l’estero. Oltre a essere stata soggetto promotore di progetti di promozione in Cina, Russia, India, Svezia e Finlandia, da tre anni ha attivato la Business Unit Promozione”, che supporta le aziende che usufruiscono dei fondi messi a disposizione dalla misura Promozione Paesi terzi dell’Ocm vino.
Promozione per Unione Italiana Vini significa anche tecnologia: il Simei-Enovitisla più importante fiera internazionale dedicata alla filiera delle macchine per vigneto e cantina, è patrimonio esclusivo dell’associazione, che ne è organizzatore e promotore dalla sua prima edizione, nel 1963.

Unione Italiana Vini crede in una informazione rigorosa e autorevole. Per questo pubblica dal 1928 il settimanale Corriere Vinicolo, punto di riferimento per tutta la filiera, e i Codici di legislazione, che racchiudono tutta la normativa vitivinicola a livello europeo e italiano.

Unione Italiana Vini è impegnata nella diffusione di una cultura del bere consapevole e moderato. Per questo, non solo aderisce alle linee guida del programma europeo Wine in Moderation”, ma lo sta declinando in progetti di formazione pensati per le scuole secondarie e le università e basati sull’approccio sensoriale al prodotto vino.

 

Presidente e Consiglio d’amministrazione
Il Consiglio di Unione Italiana Vini, con mandato triennale, ha tra i suoi compiti istituzionali quello di eleggere il presidente. Questa la composizione del Consiglio per il triennio 2015-2018:

Presidente
Antonio Rallo

Antonio Rallo 1 HR_ph_FGambina

 

 

- Federazione Nazionale degli Industriali Vinicoli

Abbona Ernesto (presidente), Botter Alessandro, Ercolino Vincenzo, Maccari Fabio, Pedron Emilio, Sartor Sandro (vice presidente), Zanoni Enrico (vice presidente), Ziliani Paolo, Zonin Domenico.

- Federazione Nazionale dei Viticoltori e Produttori Vinicoli 

Lamberto Frescobaldi (presidente), Viglierchio Enrico (vice presidente), Casoli Corrado (vice presidente), Biestro Gianluigi, Dagnino Sergio, Haas Francesco, Planeta Francesca, Rallo Antonio, Vezzola Mattia.

 

- Federazione Nazionale del Commercio Vinicolo 

Decordi Quirico (presidente), Bersano Luigi (vice presidente),Varvaro Vito (vice presidente), Armani Albino, De Cillis Assunta,  Del Savio Alessio, Rocca Marco, Simoni Daniele, Verga Natale.

 

Anformape
Marzio Dal Cin
Cesare Bianco
Michele Moglia

Med.&A.
Severino Carlo Repetto

Agivi
Carlotta Pasqua
Francesca Argiolas

 

Articoli

Antonio-Rallo-Assovini-Pres1

Rallo: sistema vino italiano dinamico e reattivo

A Prowein, Unione Italiana Vini illustra il sistema vino italiano e le sue prospettive sul mercato mondiale. Rallo: “All’estero serve fare sistema e definire nuove strategie di comunicazione”
Albino Armani_Presidente Doc Venezie

Nasce il Consorzio di tutela Doc delle Venezie, il Pinot grigio del Triveneto

Il presidente del Consorzio Albino Armani: “Consumatore e mercato più garantiti da riorganizzazione della filiera”. Castelleti (Uiv): "Ringraziamo Albino Armani per l’impegno e la determinazione riposti in questo progetto e lo stimoliamo a procedere in questo esempio virtuoso di semplificazione del sistema delle Doc con il medesimo passo, per riorganizzare e valorizzare la produzione di Pinot grigio del Triveneto, riferimento internazionale per questa varietà”
Antonio Rallo 1 HR_ph_FGambina

Rallo: Ministro Martina, è urgente la revisione del decreto OCM Promozione

Il nuovo bando (campagna 2017-2018) dovrebbe essere pubblicato tra meno di due mesi, ma al momento non si è ancora chiusa l’assegnazione delle risorse 2016–2017. Si rischia uno stallo gravissimo e in gioco c’è il futuro del nostro sistema vitivinicolo che oggi esporta il 50% del prodotto
spumante-Copia.png

Spumanti italiani superstar: a Natale 62 milioni di bottiglie (+ 10%) e l’export continua a crescere (+24%

Dall'Osservatorio del Vino la stima dei consumi delle imminenti festività e gli aggiornamenti su produzione ed export. Rallo: "Record delle bollicine tricolori in Italia e all’estero. Il Prosecco sia da traino per valorizzare tutta la ricca famiglia degli spumanti italiani che conta quasi 190 tipologie a denominazione e indicazione geografica oltre a decine di altre tra varietali autorizzati, generici e di qualità. Un primato mondiale”.
Top