Cannabis, rischio a lungo termine per il mercato BWS

La previsione in un report di IWSR e BDS Analytics. I consumi cresceranno con l’accettazione sociale. In quegli stati degli Usa dove la marijuana è consentita, la usa già il 37% dei bevitori

L’impatto del mercato della cannabis legale sul mercato degli alcolici nel Nord America è oggetto di analisi e opinioni diverse e talvolta contrastanti. Nel 2017 ad esempio, uno studio dell’University of Connecticut indagò – a partire da dati Nielsen - su complementarità e sostituibilità tra alcol e marijuana, arrivando a evidenziare una maggior sostituibilità tra marijuana e alcol piuttosto che una complementarità (ne avevamo parlato qui). Diversamente, poche settimane fa un’analisi del Distilled Spirits Council ha suggerito che negli stati dove il consumo della marijuana a scopo ricreativo è lecito da più tempo, il mercato delle bevande alcoliche non ne ha particolare svantaggio (ne avevamo parlato qui).

A ribaltare ancora le carte delle ipotesi e delle previsioni, il nuovo report IWSRBeverage Alcohol, Cannabis and the Changing U.S. Consumer: What are the Real Risks and Opportunities to Consumption Behavior, realizzato insieme a BDS Analytics, società specializzato proprio nell’analisi del mercato della cannabis e dei prodotti da essa derivati.

Secondo questa analisi, il giro d’affari derivante dalla vendita della cannabis legale negli Stati Uniti è ancora piccolo, se confrontato col mercato delle bevande alcoliche, ma col passare degli anni e con l’accrescersi dell’accettazione della marijuana da parte dei consumatori, l’impatto della marijuana sul settore BWS potrebbe essere davvero significativo. Un rischio di lungo periodo dunque, ma già ora, negli stati Usa in cui la marijuana è legale, il 37% dei bevitori di bevande alcoliche consuma anche cannabis (una percentuale nella quale i Millennial valgono ben il 45%).

Il report ha evidenziato anche che, dove la cannabis è lecita, il consumo di alcolici rimane elevato, e i bevitori sono il doppio dei consumatori di marijuana. Nei mercati in cui la cannabis è totalmente legale, inoltre, due terzi dei consumatori di questa consuma anche alcol, ma solo un terzo dei bevitori di alcolici consuma anche cannabis.

Altro dato non trascurabile il fatto che il 50% di chi consuma sia alcolici che marijuana dichiari di non aver mai consumato entrambi insieme, mentre sono pochi coloro che ne fanno un consumo combinato abituale. Tra chi lo fa, comunque, è più frequente l’accoppiamento cannabis – birra (soprattutto artigianale) piuttosto che cannabis – vino. Il 44% di chi consuma sia cannabis che bevande alcoliche, infine, crede che la marijuana debba essere venduta negli stessi negozi in cui si vendono gli alcolici.

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: BDS Analytics, cannabis, IWSR e marijuana. Area Geografica: USA. Categorie News Corriere: Consumi, Mercati e Vino e salute.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top