Un integratore alimentare dal mosto d’uva rimasto in eccesso

Brevettato in Argentina dall’Università della Plata è ricco di frutto-oligosaccaridi. Da un residuo di produzione un valore aggiunto per le piccole e medie imprese vinicole

Presso la facoltà di Ciencias Exactas (chimica, fisica, matematica e biologia) dell’Universidad Nacional de La Plata, in Argentina, Micaela Ureta, ricercatrice afferente al Centro de Investigación y Desarrollo en Criotecnología de Alimentos, ha realizzato uno sciroppo dolcificante ricco di frutto oligosaccaridi (FOS) a partire dal mosto d’uva.

I FOS sono dei prebiotici cui sono riconosciuti effetti benefici per il metabolismo della flora batterica intestinale. Il prodotto è stato brevettato ed è destinato a essere utilizzato come dolcificante dall’industria alimentare.

La sintesi di frutto oligosaccaridi dal mosto d’uva è la principale particolarità di questa scoperta, che si propone di essere anche una possibilità per l’utilizzo dei mosti d’uva rimasti in eccesso nelle cantine e non destinabili alla produzione del vino, creando così da un residuo di produzione un valore aggiunto per le piccole e medie imprese vinicole.

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: FOS, Micaela Ureta, mosto, PMI, prebiotici e sottoprodo. Area Geografica: Argentina. Categorie News Corriere: Enologia e Vino e salute.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top