Tutti i numeri della vendemmia di Francia

45,6 milioni di ettolitri la produzione 2018, quasi la metà sarà vino AOC, dalla Languedoc-Roussillion il maggiore volume. I più recenti dati di Agreste anche nelle infografiche interattive di Vitisphere

I più recenti dati di Agreste, ufficio statistico del Ministero dell’Agricoltura francese, pubblicati nella prima metà del mese di novembre, indicano che la produzione viticola della Francia ha raggiunto nel 2018 il volume di 46,6 milioni di ettolitri (qui il comunicato di congiuntura in lingua francese). Si tratta di un volume superiore del 26% rispetto a quello registrato lo scorso anno e del 6% superiore alla media degli ultimi 5 anni.

Le stime di Agreste indicano una produzione di 22,746 milioni di ettolitri di vino AOP (+29% vs 2017 e quota sul totale del 48,86%), 12,298 milioni di ettolitri di vino IGP (+20% e quota del 26,42%), 8,458 milioni di ettolitri di vino per la produzione di acqua vite (+24% e quota del 18,17%), oltre a 3,048 milioni di ettolitri di vino senza IG (+43% e quota del 6,55%).

La più importante regione di produzione, per volume, si conferma quella di Languedoc-Roussillon con 12,6 milioni di ettolitri nel 2018, cioè il 47,49% del totale, seguita dalla Charentes, 8,555 milioni di ettolitri, cioè il 18,67% del totale e dalla regione di Bordeaux, 5,399 milioni di ettolitri, cioè l’11,78% del totale. La produzione stimata a novembre per la regione della Champagne è di 3,383 milioni di ettolitri (share del 7,38%) e quella per la regione di Bourgogne-Beaujolais 2,670 milioni di ettolitri (share del 5,83%).

Tutti questi dati, con la possibilità di “navigare” su quelli relativi agli anni precedenti, a partire dal 2013, sono stati raccolti in alcune infografiche interattive da Vitisphere, portale web d’informazione vitivinicola della rivista La Vigne, e sono consultabili qui.

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: Agreste, LaVigne, produzione 2018, vendemmia 2018 e Vitisphere. Area Geografica: Francia. Categorie News Corriere: Media e Statistica.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top