Strada Astesana, Stefano Chiarlo nuovo presidente

Il primo impegno operativo della nuova presidenza è la realizzazione dell’incontro tra le Strade del Vino italiane e l’associazione ACTE, organizzazione non governativa affiancata al Consiglio d’Europa, sul tema “la promozione culturale dei territori del vino”, che si svolgerà presso l’Università astigiana

E’ Stefano Chiarlo il nuovo presidente della Strada del Vino Astesana. Enologo, 44 anni, Stefano è un protagonista della nuova generazione di vignaioli piemontesi, particolarmente impegnato nelle iniziative più innovative dei territori piemontesi, animatore in particolare dell’associazione Produttori del Nizza, il Barbera d’Asti prodotto nell’area classica. La sua formazione si è consolidata all’interno dell’azienda paterna, con cantine e vigneti in Calamandrana, Barolo, Gavi e Castelnuovo Calcea. Il suo primo impegno aziendale è stato la gestione dei tanti vigneti, da cui ha ricavato un forte impulso per la qualificazione dei vini Michele Chiarlo, con la funzione di wine maker a partire dal 1999, privilegiando i caratteri di eleganza e di autenticità dei terroir di famiglia.

La presidenza di Astesana arriva quindi a coronare la sua maturità imprenditoriale, affiancandole un ruolo importante di rappresentanza del territorio viticolo astigiano, in forte intesa con i gruppi dirigenti delle Enoteche Regionali di Canelli e Nizza Monferrato, delle associazioni di produttori Nizza e Moscato d’Asti-Canelli. La sua nomina è stata fortemente caldeggiata da Gianfranco Berta, grappaiolo di Mombaruzzo, che presidente di Astesana è stato per oltre dieci anni, pilotandola verso un successo esemplare: a dodici anni dalla sua costituzione, questa Strada del Vino, pur privata dei contributi pubblici, conta oggi 180 Soci tra gli imprenditori vinicoli, gli operatori turistici, gli artigiani del gusto nell’ambito di un territorio che fa perno sul sud Astigiano, ma si amplia sul restante territorio del Brachetto d’Acqui e del Moscato d’Asti.

L’assemblea di giugno di Astesana, su proposta del presidente Berta, aveva deciso di procedere ad un ricambio generazionale, puntando sulle nuove energie presenti nelle aziende associate. Un percorso di consultazione ha portato quindi alla scelta di Stefano Chiarlo, affiancato da due vicepresidenti: Nicoletta Candelo operatrice turistica di Fontanile e Andrea Ghignone presidente dell’Enoteca Regionale di Canelli. Completano il direttivo Giorgio Bosticco direttore del Consorzio dell’Asti e Mauro Bandini albergatore di Acqui Terme.

Il primo impegno operativo della nuova presidenza di Astesana è la realizzazione dell’incontro tra le Strade del Vino italiane (saranno presenti oltre 30 operatori provenienti da 10 regioni, in rappresentanza di 70 Strade) e l’associazione ACTE, organizzazione non governativa affiancata al Consiglio d’Europa, sul tema “la promozione culturale dei territori del vino”, che si svolgerà presso l’Università astigiana.

 

Sezione: Italia. Tag: enoturismo, nomine, stefano chiarlo, strada astesana e strade del vino. Area Geografica: Italia e Piemonte. Categorie News Corriere: Denominazioni e Turismo.

Related posts

Commenta questo articolo

Top