Spagna: vino e birra risparmiati dall’aumento delle tasse

Dalla fine di giugno è crescita del 10% l'imposta su alcol e tabacco, il governo di Madrid prevede di recuperare così 700 milioni di euro

 

Il governo spagnolo ha recentemente varato alcune misure atte alla diminuzione del debito pubblico: dal 28 giugno scorso, infatti, la tassazione su alcol e tabacco è cresciuta del 10% e si prevede in questo modo di recuperare circa 700 milioni di euro. Secondo quanto dichiarato dal Ministro delle finanze e della pubblica amministrazione, Cristobal Montoro, l’aumento delle tasse non riguarderebbe la birra e il vino. Ciò è dovuto anche al fatto che il settore vitivinicolo spagnolo è regolato da dieci anni (luglio 2003) da un quadro normativo particolare grazie al quale il vino è riconosciuto come prodotto naturale, distinguendolo così a livello giuridico dagli altri alcolici.

 
 

 

Sezione: Dai Mercati. Tag: alcol, debito pubblico, imposte, tabacco e tasse. Area Geografica: Spagna. Categorie News Corriere: Mercati.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top