SIMEI 2017, edizione globale

ICE-Agenzia coordinerà le visite di oltre 150 delegati provenienti da tutti i cinque continenti. Nuove adesioni da Messico, Giappone e Sudafrica. Appuntamento dall'11 al 15 settembre 2017 a Monaco di Baviera

mondo-vino.jpg

Si preannuncia davvero globale la 27esima edizione di SIMEI, la più importante esposizione internazionale dedicata alle tecnologie per enologia e imbottigliamento, che quest’anno si terrà dall’11 al 15 settembre 2017 a Monaco di Baviera, in partnership strategica con drinktec, fiera leader del liquid food e beverage.

Dalla sua nascita a oggi, SIMEI si è affermato come il più grande evento di networking della filiera vitivinicola a livello mondiale. Durante la scorsa edizione, hanno interagito 31.000 operatori professionisti provenienti da 90 Paesi e oltre 600 imprese espositrici di altissimo profilo. Oltre il 70% delle tecnologie enologiche presenti nelle cantine di tutto il mondo è italiano.

Quest’anno, oltre alle aziende e ai produttori internazionali che SIMEI catalizza a ogni edizione, sarà molto significativa la presenza dei delegati stranieri provenienti da tutti i continenti, che stanno confermando la propria adesione al progetto di SIMEI “incoming”, nato in collaborazione con Ice – Agenzia, che ha come finalità la promozione all’estero dei prodotti tecnologici delle imprese italiane, favorendone la conoscenza e la diffusione. Fondamentale il ruolo dell’Agenzia Ice sulla promozione di espositori e fiera nei mercati esteri più maturi e in quelli emergenti del comparto, agevolando, sviluppando e promuovendo rapporti economici e commerciali italiani con particolare attenzione alle esigenze delle piccole e medie imprese, dei loro consorzi e raggruppamenti.

 

Delegati da tutto il mondo

A dimostrazione di come SIMEI resti il punto di riferimento globale nel panorama delle fiere dedicate alla filiera del vino, Brasile, Cina, Cile, Sudafrica porteranno oltre 100 aziende vinicole a visitare la Fiera, alle quali si aggiungeranno quelle americane, ucraine, moldave, neo zelandesi e russe. Presenti anche Israele, Georgia, Giappone, India, Peru, Messico, Azerbaijan, Ecuador, Francia, Spagna e Bulgaria.

In particolare, oltre alle grandi conferme come il Cile e la Wines of Chile, associazione cilena dei produttori di Vino con la quale SIMEI collabora da tre edizioni, il Brasile con una nutrita delegazione di oltre 45 aziende grazie alla cooperazione con la Camera di Commercio di Rio Grande du Sol e l’istituto brasiliano per il settore vitivinicolo Ibravin, la Cina e i suoi 33 delegati, tra cui spiccano colossi come Chateau Yunmo Greatwall, Shan Xi RongZi Winery e Lagos Winer, ci sono nuove e importantissime new entry.

Da segnalare la delegazione del Sud Africa, con un gruppo significativo coordinato da Distell, colosso vinicolo del Paese, dell’Ucraina, della Repubblica di Moldavia, di Israele, presente per la prima volta come delegazione, anche se da anni i principali produttori sono storici frequentatori del SIMEI.  Importantissima anche la presenza del Giappone, con il quale sono stati appena stipulati importanti accordi a livello europeo per facilitare l’export nel Paese del Sol Levante, che rappresenta un mercato maturo non solo per il consumo del vino italiano, ma anche per la produzione di vino con il recente impianto di vigneti anche di produttori del Bel Paese. In fiera sarà presente, con il suo più importante produttore di vino “Dos Hemisferos”, anche l’Ecuador, Paese emergente e molto interessante per il settore vinicolo. Questo mercato è spesso difficilmente raggiungibile dalle aziende in maniera autonoma: grazie a SIMEI ci sarà la possibilità per gli espositori di avere un contatto diretto.

 

Novità 2017

Altra novità assoluta 2017 sarà il Messico con un gruppo coordinato direttamente dal Governo di Baja California, che sta collaborando attivamente con Unione Italiana Vini – recente l’incontro tra il governatore Francisco Vega de Lamadrid, governatore dello Stato di Baja California e Paolo Castelletti, segretario generale di UIV – per la costituzione di un rapporto di collaborazione tra le filiere del vino dei due Stati. La presenza a SIMEI rappresenta il primo tassello di questo accordo che segna il passo verso l’apertura e l’ammodernamento del comparto vitivinicolo messicano.

Prima volta a SIMEI anche per la Spirits Valley, nuovissima associazione francese di produttori di Cognac. A rappresentare la Francia ci saranno inoltre importanti opinion leader del calibro del direttivo dell’Institut Enologique De Champagne e il presidente de L’Union Internationale Des Enologues.

I rappresentanti delle delegazioni, la cui visita a SIMEI sarà coordinata da Ice, in collaborazione con Unione Italiana Vini, avranno anche l’occasione di partecipare al ricco calendario di seminari e workshop tecnici organizzati dalla stessa Agenzia di Promozione Estera, con lo scopo di incentivare la conoscenza delle tecnologie italiane e la creazione di contatti commerciali presso mercati ad alto potenziale, caratterizzati da grandi produzioni di vino, ma non sempre in possesso di tecnologie avanzate per la sua produzione, delle quali SIMEI è la vetrina per eccellenza.

 

 

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top