Serracchiani, per il Friuli Expo è vera opportunità

Inaugurati gli Spazi Fvg nel Padiglione Italia che, fino al 9 luglio, vedranno il Friuli Vg protagonista

serracchianiExpo

Di Adriano Del Fabro

“Sono soddisfatta, perché siamo riusciti a scattare una bella foto del Friuli Vg e l’abbiamo portata a Milano. Siamo così riusciti in pochissimo tempo, già in questi primi due mesi di apertura, a farci apprezzare: è il primo passo del nostro percorso di conoscenza e di apertura internazionale”. È stato questo il commento della presidente della Regione, Debora Serracchiani, all’Expo di Milano, all’inaugurazione degli Spazi Fvg nel Padiglione Italia che, fino al 9 luglio, vedranno il Friuli Vg protagonista sul parterre dell’Esposizione internazionale interamente dedicata al cibo.

“Rispetto ad altre realtà regionali ed enti del territorio del nostro Paese qui presenti, abbiamo colto l’Expo 2015 come un’occasione e come un’opportunità. Per questo abbiamo voluto uno spazio fisso nel comprensorio dell’Esposizione con dei nostri giovani ambasciatori che fossero presenti a ogni evento e che potessero parlare con le tante delegazioni internazionali, interessate soprattutto a conoscere il Friuli Vg. Abbiamo così potuto instaurare un dialogo costante con delegazioni statunitensi, giapponesi, cinesi, non solo a Milano ma anche direttamente in Friuli Vg. Abbiamo scelto – ha sottolineato Serracchiani – uno spazio non grande, ma siamo riusciti con tante iniziative e tanta creatività ad allestire un’ottima presentazione. E questo senza contare il Padiglione Vino A Taste of Italy, con il quale abbiamo voluto fare una scelta di campo, con 312 etichette presenti a rotazione durante tutta la programmazione dell’Expo. Questo ci permette di far conoscere i nostri produttori, ma anche i nostri prodotti e, quindi, le qualità e le eccellenza del territorio”.

Al Padiglione Italia il Friuli Vg si è “illustrato” con le barbatelle di Rauscedo (Pordenone), la Scuola Mosaicisti del Friuli, di Spilimbergo (Pordenone) e l’Immaginario Scientifico di Trieste, a testimoniare, come ha sottolineato Serracchiani alla presidente di Expo e Commissario di Padiglione Italia, Diana Bracco, «la realtà di una terra che è davvero un insieme di tessere di mosaico che noi, faticosamente, anche con una storia talvolta difficile e complicata, siamo riusciti a mettere insieme”.

Successivamente, Serracchiani ha visitato gli spazi dedicati alla cultura vitivinicola del Friuli Vg al Padiglione Nazionale Vino, nel quale vengono presentati 104 vini di 177 aziende regionali (per un totale di 312 etichette). “Presentiamo un Friuli Vg straordinario, orgoglioso della propria biodiversità, capace di offrire alla platea internazionale in visita a Expo una visione molto moderna del nostro territorio, in grado di coniugare grande impresa, una forte capacità turistica, un grande tessuto agroalimentare e manifatturiero, tenendo comunque sempre conto delle nostre radici e delle nostre tradizioni”, ha suggerito il vicepresidente Sergio Bolzonello, presente anch’egli a Expo.
“Sono le giornate dell’eccellenza del Friuli Vg all’Epo – ha rimarcato l’assessore alle Risorse agricole, Cristiano Shaurli – con l’illustrazione e la testimonianza della nostra capacità di trasformazione e di dare valore aggiunto alle produzioni Made in Fvg le quali, con le loro filiere agroindustriali ci stanno portando ai vertici internazionali. Tante strada è ancora da fare – ha aggiunto, ma Expo rappresenta un’eccezionale occasione. Qui puntiamo molto sul nostro marchio AQuA – Agricoltura/Qualità/Ambiente, una sfida che si traduce in riconoscibilità, sicurezza alimentare e tracciabilità di prodotto: è stata una scelta coraggiosa, non semplice da parte della Regione, ma abbiamo trovato un’ottima disponibilità dei produttori, e ora attenzione della piccola e grande distribuzione”, ha aggiunto l’assessore Shaurli.

Sezione: Italia. Tag: Debora Serracchiani, expo e friuli venezia giulia. Area Geografica: Friuli-Venezia Giulia e Italia. Categorie News Corriere: Eventi e appuntamenti.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top