Prosecco in Usa, vendite oltre +30%

Nei sei mesi terminanti a maggio, le bollicine veneto-friulane ancora best performer del mercato. Una bottiglia su 10 di spumante consumata in America è targata Prosecco.

spumanti flute

Prosegue inarrestabile la corsa del Prosecco negli Stati Uniti. Nei sei mesi terminati al 24 maggio, secondo le rilevazioni Nielsen, presso il settore off-premise sono state vendute mezzo milione di casse, per un valore di oltre 75 milioni di dollari, equivalenti a una crescita di oltre il 34% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Una performance straordinaria che non trova pari nelle altre categorie monitorate, con lo Champagne in aumento solo del 2% e i Cava spagnoli del 4%, ma entrambi con volumi inchiodati ai livelli del 2013. Male invece la categoria Moscato, sotto del 3%, mentre crescono i rosati (+7%).

Il Prosecco regala così all’Italia un semestre di grande euforia, con le bollicine tricolori che performano meglio sia dei concorrenti diretti, sia degli spumanti americani, doppiandone la crescita del 7% a valore.

 

Come si evince dal grafico qui sotto, il Prosecco lega ormai quasi indissolubilmente il proprio destino a quello della spumantistica italiana in America: una bottiglia su due di spumante tricolore è targata Prosecco, ma il peso di questo vino incomincia a prendere dimensioni rilevanti su tutto il mercato della spumantistica: un terzo circa del volume di spumante importato venduto nei grocery store è Prosecco, e allargando il fronte al totale consumato in America siamo ormai a una bottiglia su 10.

 

Fonte: elaborazioni Corriere Vinicolo su dati Nielsen
Nielsen copre circa il 70% del settore off-premise Usa

Sezione: Dai Mercati. Tag: champagne, gdo, moscato, off premise, prosecco, spumanti, stati uniti e vendite. Area Geografica: USA. Categorie News Corriere: Consumi, Denominazioni, Mercati e Statistica.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top