Partita la vendemmia in Germania: non si arriverà a 9 milioni di ettolitri

Il volume previsto è inferiore alla media decennale ma sarà un raccolto di qualità, dato lo stato di sanità delle uve e le buone condizioni atmosferiche delle ultime settimane

In Germania è cominciata la raccolta delle principali varietà d’uva. L’ha comunicato il Deutsche Weininstitut (DWI) che aveva diffuso previsioni positive sull’esito dell’incombente vendemmia già a metà d’agosto, in occasione dell’inizio della raccolta dei primi grappoli d’uva,  destinati alla produzione del mosto alcolico “Federweisser”, a Lörzweiler, comune vinicolo della regione di Rheinhessen.

Le ultime notizie indicano che la maturazione delle uve è, anche quest’anno, in anticipo rispetto alla media di lungo periodo; lo scorso anno l’abbondante vendemmia era però cominciata con più largo anticipo. L’estate è stata calda, soleggiata e poco piovosa e vi è un diffuso stato di sanità delle uve che fa prevedere ai viticoltori un’annata qualitativamente buona. Anche le precipitazioni avvenute lo scorso fine settimana (7 e 8 settembre) hanno portato ristoro ai vigneti, la cui resa è stata in parte condizionata sia dalle scottature (sunburn) causate dal gran caldo del mese di luglio e da episodi di grandine. Si prevede dunque una produzione inferiore a 9 milioni di ettolitri, volume attestato come medio nell’ultimo decennio.

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: Deutsche Weininstitut, DWI, previsioni vendemmiali e vendemmia 2019. Area Geografica: Germania. Categorie News Corriere: Statistica e Viticoltura.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top