Nuovi investimenti tecnologici per Toso

Potenziata l’attenzione sul momento più delicato del processo produttivo del Moscato, la filtrazione

Toso_ConfezionamentoAsti

Ci sono vitigni che girano il mondo e si trovano bene ovunque. Ce ne sono alcuni che meglio di altri traducono in caratteristiche gustative superiori le terre che li ospitano. Non tutti possiedono queste attitudini. Il vitigno Moscato le possiede entrambe. Per questo il Moscato ha trovato casa in molti territori vinicoli del mondo, conquistati dalle sue note aromatiche inconfondibili e dalla sua versatilità in vinificazione che dà luogo a vini dolci o secchi, liquorosi o spumanti. E per questo spesso ha preso il nome delle zone dove viene coltivato.

 

Il Moscato bianco che cresce in Piemonte, in particolare sulle colline della Valle Belbo, vinificato dolce e spumante con il nome di Asti o sullo stile frizzante come Moscato d’Asti, acquista caratteri straordinari. Quello che riesce ad esprimere sui versanti più ripidi e soleggiati, sulle terre più bianche e magre, a volte oltre i 500 metri s.l.m., è un’armonia irripetibile di aromi intensi e muschiati, di gustosità sapida e penetrante, di contrappunti dolci e aciduli che non stancano mai il palato. E le bollicine che gorgogliano nel vino dorato esaltano in modo insuperabile la sua tipicità. Una ricchezza che sarebbe un peccato sprecare.

 

La sfida che ogni anno gli enologi di Casa Toso affrontano, vinificando il Moscato di entrambe le tipologie, è soprattutto quella di rispettare ed esaltare la sua inconfondibile identità, trasformando l’oro delle colline in vini dolci, profumati e stabili che viaggiano e vincono sui mercati di tutto il mondo. Ma trattare con la necessaria delicatezza consistenti volumi di prodotto, come accade in una grande azienda, vuol dire investire costantemente in tecnologia. Toso S.p.A. lo fa ogni anno, ma il 2013 è stato particolarmente importante sotto questo punto di vista, perché ha visto il potenziamento dell’attenzione sul momento più delicato del processo produttivo del Moscato, la filtrazione. Perfezionando questo passaggio fondamentale con filtri particolarmente evoluti, a membrana e tangenziali, si garantisce il massimo rispetto delle qualità organolettiche, mantenendo intatto il quadro aromatico. Questo consente di ridurre le filtrazioni, che impoveriscono la personalità del vino e di prolungarne la prestanza nel tempo.

Sezione: Dalle Aziende. Tag: filtrazione, investimenti tecnologia, moscato d'asti e toso. Area Geografica: Italia e Piemonte. Categorie News Corriere: Aziende, Denominazioni e Enologia.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top