Mezzacorona brinda al nuovo record storico di bilancio

Il fatturato sfiora i 175 milioni di euro (+2,1%); oltre 44 milioni di euro liquidati ai soci. Forte accelerazione sull'export che vale oltre l’80% del volume d’affari. Sostenibilità, parola chiave del futuro

Mezzacorona.jpg

Si è tenuta sabato 19 dicembre la 111° Assemblea generale dei 1600 soci del Gruppo Mezzacorona presso il PalaRotari di Mezzocorona. Un’Assemblea sicuramente “storica” perché salutata dal nuovo record assoluto di bilancio: sfiorati i 175 milioni di euro di fatturato con oltre 44 milioni di euro liquidati ai soci.
Risultati di grande soddisfazione e per questo il Presidente Rigotti ha ringraziato i soci e tutto lo staff dei collaboratori, in primis il Direttore Generale Fabio Maccari, per il grande lavoro svolto sia a livello produttivo che commerciale nel solco della piena fedeltà alla mission aziendale e cioè garantire un giusto reddito ai soci, salvaguardare le produzioni di qualità e valorizzare i marchi.
Un cammino, quello del Gruppo Mezzacorona, fatto di una continua volontà di investire nell’innovazione, nella promozione internazionale dei vini trentini, nello sviluppo di nuovi mercati, nella visione aperta dell’impresa agli altri soggetti del territorio.
Ed è un Gruppo competitivo e solido quello che il Presidente Luca Rigotti ed il Direttore Generale Fabio Maccari hanno presentato ai soci, impegnandosi a rafforzare costantemente l’azienda sui mercati internazionali ma soprattutto puntando a dare stabilità ed equilibrio al sistema vitivinicolo trentino.

Nel complesso, il Gruppo ha sviluppato un fatturato consolidato di 174.718.189 euro contro i 171.149.725 euro dell’anno scorso, nuovo record storico assoluto con un aumento del 2,1%.
Il liquidato totale per i soci nell’annata agraria 2014-2015 ha toccato i 44.248.470 euro.
L’utile netto di Gruppo è stato di 1.510.226 euro in aumento rispetto a 1.242.752 euro dello scorso bilancio.
La resa finale è stata di 107 euro al quintale.
Il patrimonio netto consolidato di Gruppo ha toccato i 90.792.109 euro, in ulteriore aumento rispetto agli 89.285.025 euro del 2014.
Il cash-flow generato dal Gruppo si è attestato sulla cifra di 12.145.756 euro.
I collaboratori del Gruppo alla chiusura del bilancio al 31 agosto 2015 erano 434.
Il Gruppo Mezzacorona può contare su circa 2800 ettari di vigneto di qualità nel solo Trentino Alto Adige ed oltre 700 ettari in Sicilia, è leader per la produzione di cinque varietà: Pinot Grigio, Chardonnay, Gewurztraminer, Teroldego Rotaliano e Lagrein.
I marchi di proprietà sono Mezzacorona, Rotari, Tolloy, Feudo Arancio/Stemmari. Mezzacorona sca è la holding del Gruppo Mezzacorona e controlla la filiera dalla campagna fino al vino affinato; si è specializzata come azienda di supporto alle aziende agricole dei soci, con una consulenza di alto livello attuata da un team di tecnici di prim’ordine in tutta la filiera produttiva, dal vigneto fino alla prima lavorazione in cantina ed una filosofia fortemente orientata alla sostenibilità delle produzioni.
Le attività agro-industriali, commerciali e di marketing sono delegate alla Nosio spa (controllata direttamente da Mezzacorona sca al 60%), che è la subholding del Gruppo e costituisce il motore degli investimenti e dell’innovazione. A sua volta Nosio spa controlla la Prestige Wine Imports Corp.(per il mercato Usa), la Bavaria Gmbh (per il mercato tedesco) ed entrambe le società per la gestione delle due tenute in Sicilia (Solsicano sarl e Villa Albius sarl). Alla Mezzacorona sca, come noto, sono associate anche le Cantine sociali di Ala e di Salorno.

Forte accelerazione sull’export che vale oltre l’80% del volume d’affari
Da qualche anno il Gruppo Mezzacorona ha terminato la lunga stagione degli investimenti infrastrutturali. Dopo questa fase necessaria di rafforzamento, tutti gli sforzi aziendali sono stati concentrati nello sviluppo commerciale. Già oggi il Gruppo Mezzacorona esporta i propri prodotti in oltre 60 Paesi del mondo valorizzando l’immagine del Trentino. L’export infatti costituisce oltre l’80% del volume di affari del Gruppo, con una forte presenza negli Stati Uniti, in tutta l’area tedesca (Germania, Austria, Svizzera), nella Scandinavia, nel Regno Unito, nel Canada, nell’Europa dell’Est e nel Giappone. Ora gli obiettivi principali sono in primis la Cina, gli altri Paesi dell’Estremo Oriente, la Russia e, in prospettiva, anche l’America Latina.

Sostenibilità, parola chiave del futuro
Mezzacorona, focalizzata nel suo ruolo di azienda agricola regionale, è costantemente orientata alla qualità e alla tutela ambientale.
Mezzacorona è stata la prima azienda in Trentino negli anni Settanta a puntare sulle Doc e sulle pratiche più avanzate per la produzione integrata, che sono state recepite e adottate da tutta la base sociale insieme con le più interessanti innovazioni agronomiche sviluppatesi negli anni. Fondamentale è stato anche l’apporto della ricerca enologica grazie alla Cantina sperimentale di microvinificazione interna e al Laboratorio di analisi e controllo della qualità. Il Direttore Generale Fabio Maccari ha esposto ai soci le numerose iniziative basate sul rafforzamento della ricerca, sulla consulenza tecnica ai soci in campagna e sul mantenimento della qualità e dell’eccellenza raggiunte.

Grande attenzione al turismo del vino e ai social media
Il Gruppo ha realizzato strutture architettonicamente originali e suggestive promuovendo l’attività di enoturismo, grazie alla “Cittadella del Vino” e al “PalaRotari”, divenuti ormai un punto di riferimento anche per l’offerta turistica del Trentino con presenze di oltre 30.000 visitatori l’anno ed una vasta gamma di eventi ospitati.
Uno dei passaggi strategici più interessanti dell’ultimo anno è stato anche l’investimento rilevante sulla comunicazione e sui social media, con dei risultati davvero notevoli in termini di contatti e di diffusione per i tre marchi principali Mezzacorona, Rotari e Feudo Arancio.

 

Sezione: Dalle Aziende. Tag: bilancio 2014/2015 e mezzacorona. Area Geografica: Italia e Trentino-Alto Adige. Categorie News Corriere: Aziende e Economia e Finanza.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top