Le vendite on-line cresceranno ancora

Rabobank ha previsto un incremento annuo del 12% delle transazioni e-commerce di vino per i prossimi quattro anni, ma per essere competitivi e visibili in questo mercato i produttori dovranno investire tempo e risorse

Tra i dati presenti nell’ultimo report trimestrale sul mercato del vino di Rabobank, pubblicato nel corso di questo mese di ottobre, vi è quello relativo alle previsioni sull’andamento del mercato online del vino.

In particolare, nel Wine Quarterly report Q4 2015, curato dalla sezione Food & Agribusiness Research and Advisory di Raboblank, si prevede un incremento annuo del 12% circa delle vendite di vino on-line per i prossimi 4 anni, tasso di crescita superiore a quello ipotizzabile per le tradizionali vendite di vino al dettaglio.

La fortuna di questo canale sarebbe strettamente legata alle esigenze dei consumatori, in particolare a quelle dei Millennials, particolarmente attratti dalla possibilità di acquistare vino in questo modo.

Se dunque il mercato sembra prendere una direzione favorevole per chi già commercia vino via web (produttori compresi), Rabobank avverte che proprio la crescita di questo canale, e il moltiplicarsi delle piattaforme a ciò dedicate, impongono agli operatori delle stesse di dover fare i conti con i sempre più numerosi concorrenti. Per rimanere competitivi si dovrà quindi puntare sempre sulla qualità e sulla diversificazione dell’offerta. I produttori in particolare dovranno investire tempo e denaro in operazioni di marketing a ciò mirate, integrando anche il loro advertising con l’uso dei social media, pena la non visibilità.

Ricordiamo che secondo una ricerca presentata a giugno, nel contesto del Vinexpo di Bordeaux, le vendite di vino on-line sono cresciute del 600% negli ultimi dieci anni (si veda qui).

 

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: e-commerce, rabobank, Rabobank Wine Quarterly Q4, social media, vendite on-line e web. Area Geografica: Mondo. Categorie News Corriere: Consumi, Media e Mercati.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top