L’e-commerce degli alcolici vale in Cina 6 miliardi di dollari

Valore – secondo IWSR - quattro volte superiore a quello degli Stati Uniti e tre volte maggiore di quello dei due mercati più sviluppati nel commercio elettronico delle bevande alcoliche: Francia e Regno Unito

Il mercato elettronico delle bevande alcoliche si sta sviluppando sempre più rapidamente in Cina, con un tasso di crescita annuo del 15% e un valore ormai di 6,1 miliardi di dollari, secondo l’Ecommerce Study di IWSR.

Quello cinese è dunque il più grande mercato elettronico al mondo degli alcolici (qui quanto rilevato da Nielsen lo scorso anno), quattro volte superiore per valore a quello degli Stati Uniti e tre volte superiore rispetto ai due mercati e-commerce meglio sviluppati e più maturi: Francia e Regno Unito.

L’acquisto elettroni di bevande alcoliche passa in Cina principalmente per due portali, Tmall e JD, che insieme prendono più del 70% di questo mercato. 

Cina e Regno Unito sono inoltre i due mercati in cui la frequenza di acquisto in questo canale è più elevata, con il 50% dei consumatori che scelgono l’e-commerce per gli alcolici almeno una volta al mese, mentre negli altri paesi  la frequenza di acquisto è piuttosto bassa.

Secondo le previsioni di IWSR tra il 2017 e il 2020 il tasso di crescita dell’ecommerce degli alcolici sarà del +9%/+10% nei mercati in cui questo canale è già ben sviluppato (come Francia e Regno Unito), e potrà arrivare al +20/+40% nei mercati meno sviluppati.

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: commercio elettronico, e-commerce, ecomm e IWSR. Area Geografica: Cina, Francia, Regno Unito e USA. Categorie News Corriere: Mercati e Tecnologie web.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top