La California guida le esportazioni vinicole USA

Dalla penisola dell’ovest degli Stati Uniti è stato immesso sui mercati il 90% dell’export di vino USA. Si tratta per il 2012 di entrate per 1,43 miliardi di dollari, in crescita del 2,6% rispetto all’anno precedente

 

I dati rilasciati dal Wine Institute californiano parlano chiaro. Per il terzo anno consecutivo vi è stata una crescita delle entrate nell’export di vino dalla California. Per il 2012 sull’anno precedente la crescita in valore è del 2,6%; il volume raggiunto è di 4,246 milioni di ettolitri per 47,2 milioni di casse. La California conta per il 90% nell’export vinicolo statunitense.

Se si guarda ai dieci principali mercati di destinazione, si scopre che qualcuno rimane sostanzialmente stabile mentre altri hanno fatto registrare variazioni consistenti.

Vediamo nel dettaglio i dati per il valore.

Il mercato di destinazione più importante per i vini Californiani è il blocco 27 dell’Unione Europea che vale 485 milioni di dollari (+1,7 sul 2011); seguono il Canada, 434 milioni di dollari (+14%), Hong Kong 115 milioni di dollari (-30%), il Giappone 111 milioni di dollari (+6%), la Cina 74 milioni (+18%), il Vietnam 27 milioni (+22%), il Messico 20 milioni (+4%), e ultima, nella classifica dei primi 10, la Corea del Sud 16 milioni di dollari (+26%).

In Europa è la Germania il maggior consumatore di vino californiano, il trend di crescita delle spedizioni verso Berlino è stato del 6% in valore; altro mercato particolarmente significativo è quello svedese dove sono state vendute nel 2012 ben 17 milioni di bottiglie californiane (+14% sul 2011): si tratta soprattutto di vino rosso. Anche i consumatori canadesi sono particolarmente attratti dai rossi di California e la loro preferenza è marcata da un interesse per le fasce premium.

L’Asia, nella sua complessità, rimane uno dei mercati più dinamici. Qui troviamo Hong Kong che, come detto ha fatto registrare un calo consistente in valore, calo che arriva però dopo anni di crescita impressionante spinta soprattutto dall’eliminazione dei dazi sulle importazioni di vino; Hong Kong rimane ancora il terzo mercato per importanza in valore e il quinto per volume. Verso la Cina sono stati imbarcati quasi 180 mila ettolitri (+10% sul 2011), il paese della muraglia è nell’export californiano il quinto per valore e il quarto per volume.

Tra gli altri mercati emergenti il Messico: le esportazioni verso questo Paese sono crescite per il secondo anno consecutivo e il valore è quasi raddoppiato dal 2008 ad oggi.

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: export California, export Usa e Wine Institute. Area Geografica: Mondo e USA. Categorie News Corriere: Consumi e Mercati.

Related posts

Commenta questo articolo

Top