John Casella e il futuro del vino australiano

A un anno dall'annuncio dell'acquisizione del marchio Peter Lehmann, l'amministratore delegato della Casella Family Brands parla del nuovo progetto per la Barossa winery e del percorso di ripresa avviato dalle esportazioni dopo anni di errori commessi dall'industria australiana

John Casella futuro vino australiano

In questo articolo -  pubblicato da Grapegrower & Winemaker, la più importante rivista di settore edita in Australia e Nuova Zelanda, con cui il Corriere Vinicolo ha una partnership editoriale – John Casella, amministratore delegato della Casella Family Brands, illustra le strategie future del gruppo, dopo l’acquisizione del marchio Peter Lehmann, e il nuovo progetto per la Barossa Winery.

Casella è convinto che stiano tornando le condizioni per rinnovare il successo dei vini australiani, che dopo il boom si è trovata ad affrontare uno stallo. Il problema, secondo l’amministratore delegato della più grande azienda vinicola australiana a conduzione familiare, è stato il limitarsi a “seguire” anziché “guidare”, principalmente per mancanza di maturità e consapevolezza. Senza dimenticare la battaglia tutta interna, che “è diventata una gara a estromettere un altro australiano dal mercato statunitense”.

I problemi però non si limitano a questo e per superarli bisogna prenderne consapevolezza. Ecco perché Casella crede che il primo passo sia evitare la sovrapproduzione, “un danno condiviso da tutti”. E poi smettere di vendere vino sottocosto per aumentare i margini di profitto, con la consapevolezza che questo potrebbe comportare per alcuni anni un calo nelle vendite, prima che “i buyer ritornino e paghino il nuovo prezzo richiesto”.

Per quanto riguarda le sue aziende Casella ha scelto alcune strade da perseguire per crescere: abbandonare la logica del “fare di più” e concentrarsi sul “fare meglio”, accrescere le esportazioni in particolare sul mercato americano e diversificare i varietali (“Se consideriamo Yellow Tail lo shiraz era il prodotto più venduto, mentre ora è solo al quarto posto dopo Chardonnay, Cabernet e Merlot”). Mentre su Peter Lehmann confessa che l’obiettivo a medio termine è di alzare il livello qualitativo e dovranno passare “due o tre anni, ma potrebbe essere anche cinque” prima che il nuovo super premium sia messo sul mercato.

 

Scarica la APP per iOS Android e acquista il Corriere Vinicolo n. 11/2016 contenente la versione integrale di questo articolo

Abbonamenti e sottoscrizioni

Guarda la demo del Corriere Vinicolo

Pubblicazioni in visione libera

Contattaci

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top