IWSR prevede una crescita dei consumi globali

Da qui al 2019 il mercato del vino crescerà del 1,4% in volume e quello degli spiriti del 2,8%. Non si fermerà il boom del Prosecco, per un incremento di 20milioni di casse nei prossimi cinque anni

Vinexpo ha commissionato a IWSR una nuova ricerca sui prossimi sviluppi del mercato mondiale del vino e dei superalcolici da qui al 2019.

I più importanti risultati ottenuti dagli analisti della società londinese sono stati presentati alla stampa lo scorso 9 febbraio da Guillaume Deglise, CEO di Vinexpo. Eccone di seguito alcuni dettagli tratti da Drinks International.

Il mercato globale del vino ha rallentato del 1,5% tra il 2014 e i 2014 fino a totalizzare 2,6 miliardi di casse, ma si prevede che tra 2015 e 2019 ci sarà un’inversione di rotta, stimata in una crescita del 1.4%.

Guardando al vino per categoria, prevista una crescita del 7,4% degli sparkling wine (che prendono una quota nel totale dei consumi dell’8%); i rosati (quota 9%) e i vini fermi cresceranno invece, secondo le previsioni di IWSR, del 2,2%; un incremento del 12% è invece stato stimato per la categoria “still light wines”.

Il volume globale del mercato degli spirits ha raggiunto 3,07 miliardi di casse nel 2015, dopo aver fatto registrare una crescita dell’8% tra il 2010 e il 2014. L’incremento previsto da qui alla fine 2019 è stato ipotizzato in un ulteriore +2,9%.

Durante la sopracitata conferenza stampa, Guillaume Deglise ha inoltre dichiarato che il boom del Prosecco è destinato a non fermarsi e che nei prossimi cinque anni si dovranno contare ben 20 milioni di casse in più di quelle oggi consumate.

Le prossime edizioni internazionali di Vinexpo si terranno a Hong Kong (Vinexpo Hong Kong) tra il 24 e il 26 maggio 2016 (l’Italia sarà il “paese d’onore” della manifestazione, si veda qui) e a Tokio (Vinexpo Tokio) i prossimi 15 e 16 novembre.

 

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: consumi globali, IWSR, prosecco, sparkling e vinexpo. Area Geografica: Mondo. Categorie News Corriere: Consumi.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top