Il Nuovo che vuol vendere il vino del Vecchio Mondo

L’australiana Treasury Wine Estates lancerà presto sui mercati dell’Asia del nord una selezione di vini francesi: la riconoscibilità dei prodotti europei distribuita con spirito “nuovo"

La società multinazionale australiana di produzione e commercio di vino Treasury Wine Estates, ha programmato di cominciare a distribuire nell’Asia del nord una selezione di vini francesi. L’operazione è stata presentata dal Ceo di Treasury, Michael Clarke, durante un incontro con gli investitori del gruppo, tenutosi la scorsa settimana a Napa, in California.

La prima fase del programma commerciale, che dovrebbe avere inizio già nella seconda metà di quest’anno, è parte di una più ampia strategia di distribuzione in diversi mercati internazionali, pianificata dal gruppo di Melburne per l’anno fiscale 2018.

Come si può leggere su just-drinks, non si conoscono ancora i nomi dei produttori francesi che forniranno il vino, e nemmeno il nome del marchio con cui questi saranno distribuiti in Asia, mentre da Treasury arriva notizia che tra i vini, suddivisi in tre fasce di prezzo, ci sarà Champagne, Bordeaux, Vino di Borgogna, l’AOC Châteauneuf du Pape rosso ed anche il rosato di Provenza.

Come dichiarato dallo stesso Michael Clarke, l’idea è quella di distribuire con una mentalità da “Nuovo Mondo” prodotti che in Asia sono riconosciuti ed apprezzati, grazie (questo lo aggiungiamo noi) al più che ventennale lavoro di promozione del vino condotto in Asia, e soprattutto in Cina,  dall’industria francese del vino.

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: AOC, bordeaux, Borgongna, Champagna, Châteauneuf du Pape, cina, distributori, Provenza, rosato e Treas. Area Geografica: Asia e Cina. Categorie News Corriere: Marketing e Mercati.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top