Guerra del vino: aperto un procedimento presso la Commissione Europea

In seguito agli attacchi di lunedì scorso ai camion cisterna pieni di vino spagnolo alla frontiera di Boulou, il ministro degli esteri spagnolo già mercoledì aveva convocato l’ambasciatore di Francia a Madrid

La Spagna, attraverso il suo ministro degli Esteri, ha fermamente condannato l’attacco attuato lunedì scorso da un centinaio viticoltori francesi a cinque camion cisterna pieni di vino spagnolo presso la frontiera di Boulou, nei Pirenei.

Il Ministro degli esteri spagnolo, Jose Manuel Garcia-Margallo, già mercoledì aveva convocato l’ambasciatore di Francia a Madrid, Yves Saint-Geours, per esprime la sua indignazione.

È stata – ha dichiarato il Ministro spagnolo – un’aggressione assolutamente intollerabile per due paesi partner e amici come Francia e Spagna”.

Annunciata anche l’apertura di un procedimento presso la Commissione Europea contro la Repubblica Francese.

Quello di lunedì scorso non è il primo caso di attacco in Francia ai camion cisterna di vino spagnolo, altri episodi simili si sono ripetuti nel corso degli ultimi tre anni. La scellerata forma di protesta è la risposta di alcuni viticoltori francesi ai prezzi del vino sfuso spagnolo, venduto tra i 30 e i 40 euro ad ettolitro, quando la quotazione di quello francese si aggira tra i 70 e gli 80 euro.

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: cisterna, guerra del vino, Jose Manuel Garcia-Margallo, sfuso e Yves Saint-Geours. Area Geografica: Francia e Spagna. Categorie News Corriere: Enologia e Mercati.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top