Germania, tira brutta aria (ancora)

A settembre continuiamo a perdere pezzi sul segmento spumanti (-17%), mentre sul fronte bottiglia galleggiamo. Ma anche gli altri non è che se la passino proprio bene

germania-recessione.jpg

Un bilancio a doppia lettura per le nostre esportazioni di vino sul mercato tedesco: i vini in bottiglia (fermi più frizzanti9 chiudono i primi nove mesi con un aumento dei prezzi medi di vendita (+4%) che si riflette sui volumi di acquisto, calati del 3%, a 1,9 milioni di ettolitri, e con valori rimasti inalterati rispetto a un anno fa, poco meno di 460 milioni di euro. Sul lato spumanti, invece, nonostante il Prosecco, le cose continuano a non andare esattamente bene, con cali di oltre il 15% sia sul lato volumi che valori e prezzi medi a -3% (3,15 euro al litro). Unica consolazione è che nel consuntivo di giugno si era a oltre -20%, qualcosa insomma si è recuperato.

Chi cresce allora, in un mercato stagnante e – per quel che riguarda le bollicine – in regressione? Pochi Paesi, come Usa (+16%), Sudafrica (+7%), Portogallo, Cile e Argentina. In pareggio – sempre fronte bottiglia – Francia e Spagna, tra aumenti impercettibili a valori e cali sul volume, mentre vanno giù pesantemente Austria, Australia, Grecia e Svizzera.

 

Sul lato bollicine, detto dell’Italia, il destino del segno meno prende dentro un po’ tutti i grossi fornitori: dalla Francia (-14% il prezzo medio), alla Spagna, che comunque galleggia, fino all’Austria, per un totale di mercato che perde l’8% sui valori, a 225 milioni di euro.

Sezione: Dai Mercati. Tag: bottiglia, germania, importazioni, settembre 2013, spumanti e vino. Area Geografica: Germania. Categorie News Corriere: Consumi, Mercati e Statistica.

Related posts

Commenta questo articolo

Top