Francia, uno su tre ha già comprato vino on-line

Più della metà degli acquisti avviene direttamente sul sito dei produttori. Si spende tra i 5 e 10 euro per bottiglia e il “carrello” contiene in media tra i 3 e i 6 pezzi. Importante il ruolo dei social media

I consumatori francesi ricorrono sempre più spesso alle nuove tecnologie per l’acquisto e la conoscenza del vino. Lo suggeriscono i datidel Baromètre 2018 dell’agenzia Sowine, analisi redatta in collaborazione con Survey Sampling International (SSI).

Nella sezione Les  français et l’achat de vin en ligne di quest’indagine di mercato si legge che il 29% dei consumatori francesi adulti ha acquistato almeno una volta vino on-line (campione statistico di 1009 persone, +19 punti percentuali rispetto al 2011, anno di edizione del primo Baromètre). Si tratta, come prevedibile, soprattutto di giovani; ha infatti già acquistato vino sul web il 35% degli under 35 rispetto al 26% degli over 35.

“Il carrello” online tipo contiene tra le tre e le sei bottiglie di vino, per una spesa media tra i 5 e i 10 euro per bottiglia. Più della metà di questi acquisti (il 51%) è effettuata direttamente sul sito del produttore, il 38% sulle pagine di enoteche e negozi specializzati, il restante 35% su  più generici portali di e-commerce.

La scelta di comprare vino su internet è guidata in primo luogo dal fattore prezzo (51% delle risposte alle interviste di Sowine); si sceglie questo canale anche per i convenienti costi di consegna (38% delle risposte), e per la qualità delle informazioni sul prodotto presenti sulle pagine web, 35% delle risposte. Tra i fattori che invece frenano l’acquisto on-line c’è la paura di ricevere bottiglie rotte o danneggiate (35% delle risposte), i costi di consegna troppo alti (33% delle risposte), o semplicemente il fatto di non aver mai preso in considerazione questo moderno canale di vendita.

Secondo il Baromètre, ricorre al web, quale prima fonte per informarsi e scegliere vino, il 28% dei consumatori francesi, mentre il 44% si rivolge in primo luogo a professionisti del settore ed il 56% ad amici e conoscenti.  Il 34% dei consumatori segue tuttavia sui social pagine dedicate a vino e superalcolici, e il 70% di questi ritiene questo canale d’informazione di grande importanza.

FEB

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top