Dove investire in Cina: Zhejiang

Con 55 milioni di abitanti e un Pil di 650 miliardi di dollari, la regione negli ultimi 30 anni ha attratto le imprese con politiche di supporto delle istituzioni locali. Per il vino, momento molto favorevole, grazie al proliferare di nuovi ristoranti, wine bar, enoteche e locali notturni

China_Zhejiang_svg

C’è una Cina in forte espansione economica, che ancora pochi conoscono, in grado di solleticare le ambizioni di export di medie e piccole cantine non ancora sbarcate su questo mercato, ma anche di grandi cantine che vogliono consolidare i propri brand nella costa orientale cinese. Questa Cina si chiama Zhejiang, la regione immediatamente a sud dell’ormai satura Shanghai, sulla costa orientale del Paese, affacciata sul Mar Cinese Orientale.
Perché è appetibile per i produttori di vino italiani? Con 55 milioni di abitanti, quasi come l’Italia, ma su una superficie che è pari a un terzo, qui negli ultimi 30 anni le imprese private e l’imprenditoria locale hanno beneficiato di politiche di supporto da parte delle istituzioni locali, che hanno fatto registrare alla provincia uno dei più straordinari sviluppi economici della Cina. Nel 2014 il prodotto interno lordo dello Zhejiang ha raggiunto i 650 miliardi dollari, con una crescita del 7,6% rispetto all’anno precedente, persino superiore rispetto alla media cinese (7,4%, dati Zhejiang Statistics Bureau). Il mercato consumer cresce a doppia cifra (+11,7% di vendite nell’ultimo anno) e in questo contesto il vino d’importazione sta attraversando un momento molto favorevole, anche grazie al proliferare di nuovi ristoranti, wine bar, enoteche e locali notturni. Tanto che, attualmente, la provincia dello Zhejiang rappresenta circa il 6% di tutto il vino italiano importato in Cina, anche grazie alla città di Wenzhou, che insieme alle contee circostanti rappresenta la terra d’origine del 90% delle comunità di immigrati cinesi in Italia, motivo per cui è diventata destinazione privilegiata delle esportazioni di prodotti made in Italy.

Nello speciale pubblicato su Il Corriere Vinicolo n. 27/2015 si trova una dettagliata descrizione economica e geografica della regione, con un approfondimento sulle cinque principali città in cui le cantine italiane potrebbero investire. E una guida pratica all’investimento in ognuna di esse, considerando tutti i costi per aprire un ufficio di rappresentanza in loco, passo fondamentale per sviluppare azioni commerciale e promozionali nelle città vicine.

 

Scarica la APP per iOS e Android e acquista il Corriere Vinicolo n. 27/2015 contenente questo articolo

 Abbonamenti e sottoscrizioni

 Guarda la demo del Corriere Vinicolo

 Pubblicazioni in visione libera

 Contattaci

Sezione: Dai Mercati. Tag: cina, consumi, export, investimenti, marketing e Zhejiang. Area Geografica: Cina. Categorie News Corriere: Aziende, Consumi, Marketing e Mercati.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top