Dal prossimo autunno un percorso accademico per assaggiatori di vino

Aperte le iscrizioni alla Scuola Universitaria per Maestri Assaggiatori di Vino (SUMAV) istituita dall’Università degli Studi di Torino in collaborazione con l’ONAV

Il Dipartimento di Scienze Agrarie Forestali e Alimentari dell’Università degli Studi di Torino ha istituito in collaborazione con l’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino (ONAV) il primo corso accademico italiano per assaggiatori di vino.

Il corso partirà nell’autunno 2019 ed è stato attivato dopo anni di lavoro e di confronto tra autorevoli personalità del mondo scientifico e della degustazione enologica.

Destinatari del percorso di formazione sono, soprattutto, esperti assaggiatori, tecnici del settore enologico, enologi e sommelier, cui la scuola si prefigge di fornire aggiornamenti e approfondimenti in tema di tecniche e metodologie di assaggio dei vini.

La formazione proposta è tesa dunque all’acquisizione di strumenti specifici atti a definire le caratteristiche derivanti da espressione varietale, territorio e tecniche di vinificazione, per valutare il livello qualitativo dei vini ed esprimere giudizi ai fini della valorizzazione e promozione nazionale e internazionale.

Il corso è organizzato in moduli per un totale di 60 ore, si terrà tra novembre 2019 e marzo 2020, presso il Campus di Grugnisco dell’Università degli Studi di Torino.

L’accesso è a numero chiuso per un totale di 100 posti disponibili. Previo superamento dell’esame finale, i corsisti otterranno il diploma di Maestro Assaggiatore di Vino.

Il corso consentirà inoltre di acquisire anche il titolo di Maestro Assaggiatore ONAV (3° livello),per coloro che sono già in possesso del titolo di Esperto Assaggiatore (2° livello)rilasciato dall’’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino. Tutti i dettagli sul programma e sull’iscrizione (il termine è il 30 settembre 2019) sono disponibili sul sito internet di ONAV.

FEB

Sezione: Italia. Tag: onav e UniTo. Area Geografica: Italia. Categorie News Corriere: Analisi sensoriale.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top