Commercio mondiale di vino confezionato, un affare da 24 miliardi di dollari

Un dato che, nonostante la crisi, registra una crescita del 3% dal 2008 al 2012. L'Italia? Vi partecipa per il 19%, dietro alla primatista Francia, ma rispetto a quattro anni prima perde un punto percentuale. Sul fronte import, la Cina consolida il quinto posto, assorbendo il 6% del totale

Il commercio mondiale di vino fermo confezionato (sotto 2 litri) vale 24 miliardi di dollari, ovvero oltre il 70% di tutto il vino che viaggia per il globo, valutato attorno a oltre 30 miliardi di dollari tra spumanti, fermi e sfusi.

RIspetto al 2011, le stime elaborate dal nostro giornale parlano di una moderata crescita (lo 0,5%), mentre guardando a una prospettiva un po’ più lontana, fino al 2008, il dato è assai confortante: la crescita, misurata come Cagr (tasso composto di crescita annua), è del 3%. Il che indica che la crisi ha influenzato in maniera molto leggera la domanda mondiale di vino, trainata sia dai grandi Paesi importatori (Nordamerica, Germania eccetera), ma anche dai nuovi, come Cina ed Estremo Oriente (come abbiamo visto in un recente articolo).

 

import export vino bottiglia 2012 mondo mondiale commercio

Nota: dati 2012 dei Paesi citati definitivi, dato totale stima, non essendo ancora disponibili i dati di tutti i Paesi

 

A livello di pesi, è la Francia il Paese che vale di più sul totale mondiale del commercio di vino confezionato: il 28% circa, dato in leggera ripresa rispetto al 2011, ma in decrescita rispetto al 2008, quando era al 29%. L’Italia conferma la seconda piazza, con il 19%, in leggera decrescita sia rispetto al 2011 sia al 2008, quando sfiorava il 20%. Terza, in crescita, la Spagna, con l’8% del totale, seguita da Cile. Australia in deciso alleggerimento (dal 9% al 6%), a causa del più volte citato shift verso lo sfuso. La crescita maggiore è invece appannaggio degli Usa: +10%, che equivalgono a un punto percentuale guadagnato sul totale.

import export vino bottiglia 2012 mondo mondiale commercio

 

A livello di Paesi importatori, nel quadriennio in esame, il quardo è di stabilità o perdita di peso per i Paesi tradizionali: perdono quota i primi quattro della lista: Usa (-2 punti), UK (-4), Germania (1 abbondante), Canada (1), mentre a guadagnare è solo la Cina (dall’1% del 2008 al 6% del 2012). Russia e Brasile abbastanza stabili (poco meno di 0,5 punti percentuali di crescita).

import export vino bottiglia 2012 mondo mondiale commercio

Fonte: elaborazioni Corriere Vinicolo su dati istituti nazionali di statistica, dogane e Istat per l’Italia

Sezione: Dai Mercati. Tag: classifica, commercio, export, import e scambi. Area Geografica: Afghanistan, Africa, Ajerbaijan, Albania, Altri paesi d'Europa, Andorra, Antigua e Barbuda, Arabia Saudita, Argentina, Armenia, Asia, Australia, Austria, Azerbaigian, Bahamas, Bahrain, Bangladesh, Barbados, Belgio, Belize, Bhutan, Bielorussia, Bolivia, Bosnia-Erzegovina, Brasile, Brunei Darussalam, Bulgaria, Burma, Cambogia, Canada, Centro America, Cile, Cina, Cipro, Colombia, Corea del Sud, Costa Rica, Croazia, Cuba, Danimarca, Dominica, Ecuador, El Salvador, Estonia, Filippine, Finlandia, Francia, Georgia, Georgia del Sud, Germania, Ghana, Giamaica, Giappone, Giordania, Grecia, Grenada, Guatemala, Guiana Francese, Guyana, Haiti, Honduras, Hong Kong, India, Indonesia, Iran, Iraq, Irlanda, Islanda, Isole Falkland, Israele, Italia, Kazakhstan, Korea Nord, Kuwait, Lao, Lettonia, Libano, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malesia, Malta, Messico, Moldova, Monaco, Mongolia, Montenegro, Nepal, Nicaragua, Nord America, Norvegia, Nuova Zelanda, Oceania, Oman, Paesi Bassi, Pakistan, Palestina, Panama, Paraguay, Perù, Polonia, Portogallo, Quatar, Regno Unito, Repubblica ceca, Repubblica Dominicana, Romania, Russia, Saint Kitts e Nevis, Saint Vincent e Grenadine, San Marino, Santa Lucia, Serbia, Singapore, Siria, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Sri Lanka, Sud America, Sudafrica, Suriname, Svezia, Svizzera, Taiwan, Tajikistan, Timor Leste, Trinidad e Tobago, Turchia, Turkmenistan, Ucraina, Ungheria, Uruguay, USA, Uzbekistan, Venezuela, Vietnam e Yemen. Categorie News Corriere: Consumi, Mercati e Statistica.

Related posts

Commenta questo articolo

Top