Cina vs Usa, dazi sul vino già effettivi

La misura è entrata in vigore il 2 aprile. Era stata annunciata nelle scorse settimane dal governo cinese. Non si ferma il botta e risposta con Trump che annuncia nuove misure che hanno già avuto una reazione

Sono entrate in vigore martedì 2 aprile le nuove tariffa d’ingresso in Cina per 128 prodotti made in Usa, preannunciate lo scorso 23 marzo dal Ministero del Commercio cinese in risposta alla decisione del governo Trump di aumentare, per motivi di “sicurezza nazionale”, i dazi su acciaio e prodotti in alluminio cinesi (ne avevano parlato quiqui l’annuncio ufficiale sul sito Ministero delle Finanze cinese).

Il vino è tra i prodotti su cui d’ora in poi, e fino a data imprecisata, peserà il nuovo dazio del 15%, che va ad aggiungersi a quello già precedente del 14%. Tra tariffe d’importazione, altre accise e Iva, secondo i calcoli di The Drinks Business, per il vino americano in ingresso in Cina la tassazione passerà dunque dal 48,2 al 67%.

Non si è fatta attendere una nuova risposta da parte del governo statunitense. Come riportato dall’Ansa, l’amministrazione Trump ha, infatti, già proposto nuovi dazi del 25% su 1300 prodotti cinesi, annuncio che a sua volta ha scatenato ulteriori reazioni da parte della Cina che ha ora nel mirino altri 106 prodotti statunitensi tra cui automobili, aerei, prodotti chimici e soia.

FEB

 

Sezione: Dai Mercati. Tag: accise, dazi, export, import, Trump e vino. Area Geografica: Cina e USA. Categorie News Corriere: Mercati e Politica.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top