Cina: nessun italiano coinvolto nell’indagine antidumping

Annunciati i nomi delle sei cantine europee oggetto dei controlli da parte del MOFCOM, sono due spagnole e quattro francesi. Escluso il Gruppo Cevico in un primo tempo indicato tra i sotto indagine

 

Secondo quanto riportato dal portale spagnolo d’informazione vincola elmundovino.es Pechino avrebbe annunciato ufficialmente lo scorso 20 agosto i nomi delle imprese europee su cui verrà effettivamente svolta l’indagine antidumping avviata lo scorso 5 giugno dalla Cina (ne abbiamo parlato qui). I cinesi lamentano possibili irregolarità nel sistema di sostegno UE all’export dei vini. Le facilitazioni UE, finalizzate a sostenere iniziative promozionali nei paesi extraeuropei, secondo Pechino vizierebbero gli scambi a scapito della produzione interna.

Oggetto dell’indagine del MOFCOM, Ministero cinese del Commercio, dovrebbero essere le spagnole Cherubino Valsangiacomo e Felix Solis Avantis  e le francesi Castel Frères, La Guyennoise, Les Grands Chais de France e Moncigale-Marie Brizard. Nessun produttore italiano sembra dunque essere nel “registro degli indagati” come in un primo momento era stato annunciato anche dalla nostra stampa che a inizio agosto aveva indicato tra i sotto inchiesta anche il Gruppo Cevico. 

Sezione: Normative. Tag: anti-dumping, antidumping, cevico e mofcom. Area Geografica: Cina e Unione europea. Categorie News Corriere: Mercati.

Related posts

Commenta questo articolo

Top