Cina, in calo la redditività nel commercio del vino

Il dato emerge da un’analisi di mercato promossa dalla China Alcoholic Drinks Association. Nel contempo la produzione locale guarda alla qualità e all’estero

Durante la China International Alcoholic Drinks Expo, tenutasi nella città di Shanghai a fine novembre, la China Alcoholic Drinks Association (CADA) ha reso pubblici i dati di un report sul mercato del vino in Cina nel 2017 (ne ha parlato il sito di informazione vitivinicola cinese winesinfo.com).

Tra i dati presenti in quest’analisi, uno dei più rilevanti è quello relativo alla redditività nel commercio del vino. Il tasso di crescita dei ricavi derivanti dalla vendita di vino è, infatti, diminuito nel 2017, tanto che alcune aziende locali, delle 79 prese in esame per quest’analisi, hanno riscontrato una crescita negativa del loro fatturato.

Nonostante la forza dei vini importati, che guadagnano sempre più quote di mercato e che prendono ad esempio ben il 70% di tutto il mercato del vino on-line (canale dominato da marchi come il francese Lafite e i locali Changyu e GreatWall), il rapporto conclude affermando che lo stato di sviluppo dell’industria nazionale del vino è sostanzialmente buono, con una produzione sempre più orientata verso la qualità e verso l’estero, come dimostrato anche dalle medaglie che i vini cinesi hanno recentemente guadagnato nei concorsi internazionali.

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: CADA e reddittività. Area Geografica: Cina. Categorie News Corriere: Mercati.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top