Chiusa indagine anti-dumping cinese

Firmato un memorandum d'intesa tra il CEEV (Comité Européen des Entreprises Vins) e la CADA (Chinese Alcohol Drinks Association), in rappresentanza delle imprese vitivinicole europee e cinesi

ILa Cina ha deciso di chiudere  l’indagine anti-dumping e anti-sussidi verso il vino dell’Ue, che – ricordiamo – era stata avviata il 1° luglio 2013, dopo la decisione della Ue di voler imporre un dazio anti-dumping verso i prodotti fotovoltaici cinesi.

 

“Accogliamo con grande soddisfazione la notizia della firma sul memorandum tra i produttori di vino europei e cinesi. Questo accordo va nella direzione auspicata di chiudere amichevolmente l’indagine anti-dumping sul vino europeo delle autorità cinesi e rappresenta un nuovo punto di partenza nelle relazioni commerciali con il Paese asiatico. Siamo terzi in Europa per esportazioni di vino nel mercato cinese, con una quota di circa il 10% e questo dato può sensibilmente crescere nei prossimi anni se sapremo lavorare come squadra sul fronte asiatico. Sono fiducioso che questi risultati si possano raggiungere, considerato che nel 2013 il vino italiano ha fatto segnare il record storico di 5 miliardi di euro di esportazioni complessive, con una crescita in valore davvero significativa”.

Lo afferma il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, commentando la firma di un memorandum d’intesa tra la CEEV (Comité Européen des Entreprises Vins) e la CADA (Chinese Alcohol Drinks Association), in rappresentanza delle imprese vitivinicole europee e cinesi, per mettere fine alla procedura anti-dumping avviata da Pechino contro le importazioni di vino europeo.

 

Sezione: Italia. Tag: antidumping, cina e ue. Area Geografica: Cina, Italia e Unione europea. Categorie News Corriere: Aziende e Mercati.

Related posts

Commenta questo articolo

Top