Cantine cooperative: obiettivo “km illimitato”

Crescente la propensione all’export: nel 2014 a quota di 1,9 miliardi di euro, pari al 37% circa di tutto il valore del vino commercializzato all’estero. Saranno in 180 a partecipare al prossimo Vinitaly.

Alleanza_Cooperative

“Saranno oltre 180 le aziende vitivinicole aderenti all’ Alleanza delle cooperative italiane che parteciperanno alla prossima edizione del Vinitaly in programma dal 22 al 25 marzo a Verona.
Anche quest’anno la presenza delle cantine cooperative al più importante appuntamento fieristico internazionale del settore sarà sotto l’insegna del “km illimitato”, a testimoniare proprio la crescente propensione all’export delle aziende cooperative, che con un fatturato aggregato di 4,2 miliardi di euro rappresentano il 58% della produzione vitivinicola italiana.

Nel 2014 il fatturato derivante dall’export delle circa 500 cantine cooperative attive in Italia ha raggiunto la quota di 1,9 miliardi di euro, pari al 37% circa di tutto il valore del vino commercializzato all’estero, che si attesta intorno a 5,1 miliardi.
Di tutti i settori agroalimentari, il vino è sicuramente il comparto cooperativo maggiormente internazionalizzato con il 60% delle cantine che può essere definito esportatore abituale. In alcuni casi, le vendite all’estero rappresentano ben oltre il 50% del fatturato generato dalla cantina, toccando punte del 70-80% in quelle realtà che hanno fatto della vocazione all’export lo strumento principale per affrontare un periodo in cui i mercati più dinamici sono sempre più spesso quelli più lontani.

Cantine Riunite & Giv, Caviro, Mezzacorona, Cavit, Soave, Gruppo Cevico, La Vis e Collis Veneto Wine Group sono le cooperative presenti stabilmente nella classifica delle prime 20 aziende italiane del vino stilata dal Centro Studi Mediobanca.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top