Brindisi Grandi Marchi al World economic forum

Il ricevimento di benvenuto che apre oggi l'incontro di Davos, porterà in tavola i vini selezionati dalle cantine dell’Istituto abbinati a piatti realizzati con prodotti tipici italiani

Le griffe dell’Istituto Grandi Marchi sulle tavole del World Economic Forum di Davos (21-24 gennaio) che aprirà all’insegna del tricolore enologico. È infatti targato Made in Italy l’evento inaugurale del meeting che riunisce oltre 40 capi di Stato e di governo e 2500 personalità leader dell’economia, del giornalismo e dell’accademia internazionale.

Il programma dell’inaugurazione di domani 20 gennaio, offerto dal Governo italiano e organizzato in collaborazione con ICE-ITA, prevede oltre alla cerimonia di consegna dei “Crystal Awards” seguita dal concerto di Andrea Bocelli (tra i premiati del WEF), un ricevimento di benvenuto che porterà sulle tavole di Davos i vini selezionati dalle cantine dell’Istituto Grandi Marchi abbinati a piatti realizzati con prodotti tipici italiani.

“Siamo molto orgogliosi di proporre il meglio delle nostre cantine a oltre 800 partecipanti tra capi di Stato, esponenti di primo piano dell’economia internazionale, intellettuali e giornalisti di fama mondiale – afferma Piero Antinori, presidente dell’Istituto Grandi Marchi. – Quella di domani sarà una vetrina importante per tutto il settore per il quale l’Istituto contribuisce per quasi il 7% del valore complessivo dell’export di vino imbottigliato”.

Di seguito i vini che saranno serviti al welcome di Davos (20 gennaio):

Carpenè Malvolti  1868 Extra Dry Conegliano Valdobbiadene Proseco Superiore DOCG

Alois Lageder Gewürztraminer, Alto Adige DOC 2013

Argiolas Is Argiolas, Vermentino di Sardegna DOC 2013

Ca’ Del Bosco Chardonnay, Curtefranca Bianco DOC 2011

Jermann Vintage Tunina, IGT Venezia Giulia 2012

Mastroberardino Radici, Fiano di Avellino DOCG 2013

Umani Ronchi Vecchie Vigne, Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico Superiore 2012

Ambrogio e Giovanni Folonari Tenute Nozzole, Chianti Classico DOCG 2012

Antinori Villa Antinori Chianti Classico Riserva, 2011

Biondi Santi Brunello di Montalcino DOCG 2009 Annata

Donnafugata Tancredi, Sicilia Rosso IGP 2010

Lungarotti Sagrantino di Montefalco DOCG 2007

Masi Brolo di Campofiorin Oro, Rosso del Veronese IGT 2010

Michele Chiarlo Cipressi della Court Barbera d’Asti 2012

Pio Cesare Fides, Barbera d’Alba DOC 2012

Tasca d’Almerita Rosso del Conte – Contea di Sclafani DOC 2010

Tenuta San Guido Guidalberto, Toscana IGT 2012

Sezione: Dalle Aziende. Tag: Istituto Grandi Marchi e world economic forum. Area Geografica: Italia e Svizzera. Categorie News Corriere: Aziende e Eventi e appuntamenti.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top