Biofuel dalle vinacce: un progetto australiano

Secondo una ricerca dell’Università di Adelaide da una tonnellata di scarti della lavorazione delle uve si potrebbero ottenere fino a 400 litri di bioetanolo, in modo economico e redditizio

Un gruppo di ricercatori dell’Università australiana di Adelaide sta lavorando a un progetto che mira alla trasformazione degli scarti della lavorazione delle uve in bio carburante in modo  economicamente vantaggioso.  I risultati fino ad oggi ottenuti sono stati pubblicati in un articolo comparso sulla rivista scientifica Bioresource Technology.

In particolare, i ricercatori australiani avrebbero dimostrato come sia possibile ottenere da una sola tonnellata di vinacce, trattate con acido ed enzimi, ben 400 litri di bioetanolo; gli ulteriori scarti di questa lavorazione sarebbero poi ancora utilizzabili come mangimi o fertilizzanti.

Oggi buona parte dei biocarburanti è prodotto attraverso la lavorazione di biomasse che derivano da apposite coltivazioni, l’utilizzo invece di materiale di scarto pare quindi essere particolarmente economico e redditizio, anche perché verrebbero così abbattuti i costi di smaltimento. Ogni anno l’industria del vino mondiale produce circa 14 milioni di tonnellate di scarti da lavorazione delle uve (dato Università di Adelaide).

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: biocarburante, bioetanolo, biofuel, biomasse, etanolo, Università di Adelaide e vinacce. Area Geografica: Australia. Categorie News Corriere: Sostenibilità.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top