Bevande commerciali: l’Asia guiderà la crescita dei consumi

Un terzo dell’incremento previsto da Canadean da qui al 2021 sarà opera dei soli consumatori cinesi. Europa e Stati Uniti perderanno invece buona parte del loro peso in questo mercato

La futura crescita globale del consumo di bevande commerciali, alcoliche e non alcoliche, sarà guidata nei prossimi cinque anni dai paesi asiatici. In particolare entro il 2021, secondo quanto prevede Canadean nel suo recente Global Beverage Forecasts Report (si veda qui il comunicato stampa che lo presenta), i 2/3 dei volume di bevande che si aggiungerà ai consumi globali sarà da attribuirsi ai paesi dell’Asia, con i consumatori cinesi responsabili di ben un terzo dell’incremento previsto.

Al secondo posto, per responsabilità nella crescita di questi consumi, ci saranno i paesi del Sud America, trainati dal Brasile.

Ruolo di primo piano avranno anche i paesi del Medio Oriente e del Nord Africa, regione al terzo posto in questa classifica: nei paesi del MENA, infatti, la  crescente domanda di bevande non alcoliche farà sì che l’incremento dei consumi di bevande commerciali sarà tre volte superiore a quello previsto per il Nord America. L’incremento del consumo di bevande previsto per il solo Nord Africa da qui al 2021 sarà varrà probabilmente il doppio di quello previsto per i paesi dell’Europa orientale.

I soft drinks sono la tipologia per cui si prevede a livello globale una maggior crescita dei consumi in volume, seguiti dagli hot drinks, dalle bevande a base di latte e a quelle alternative al latte (Dairy Drinks & Milks Alternatives), dalle bevande alcoliche (birra esclusa) e infine dalla birra.

Sintomatiche di un mercato in evoluzioni anche le previsioni di Canadean per il 2021 relative alla classifica generale dei paesi per volume di consumo di bevande commerciali: nelle prime dieci posizioni ci saranno infatti probabilmente solo tre mercati tradizionali, cioè gli Stati Uniti, il Giappone e la Germania. Situazione che sarà quindi radicalmente diversa da quella registrata all’inizio del secolo; nel 2000, infatti, Usa ed Europa occidentale valevano insieme quasi un terzo dei consumi globali di bevande commerciali, quota che si ridurrà probabilmente al solo 18% entro i prossimi cinque anni.

FEB

Sezione: Dai Mercati. Tag: bevande commerciali, Canadean e cosnumi. Area Geografica: Mondo. Categorie News Corriere: Consumi.

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top