Argentina, previsto calo del raccolto del 13%

Le prime stime dell’Instituto Nacional de Vitivinicoltura (INV) suggeriscono per la vendemmia in corso una produzione di uva da vino tra i 22,3 e il 24,7 milioni di quintali

L’Instituto Nacional de Vitivinicultura (INV) argentino ha diffuso le sue prime previsioni sulla vendemmia 2019 in corso (qui il documento)

I dati al 18 febbraio u.s. indicano un raccolto previsto tra i 22,3 e 24,7 milioni di quintali di uva da vino, che corrisponderebbero a un calo di produzione rispetto allo scorso anno che va dal -13% a -4%. Nel 2018, in quella che dopo due anni di crisi era stata definita la “vendemmia della rinascita” (ne avevamo parlato qui), arrivarono nella cantine argentine circa 25,734 milioni di quintali di uva da vino.

Instituto Nacional de Vitivinicultura (INV), previsioni vendemmiali Argentina al 18 febbraio 2019

Instituto Nacional de Vitivinicultura (INV), previsioni vendemmiali Argentina al 18 febbraio 2019

Prima regione di produzione sarà ancora Mendoza, per la quale si prevede un raccolto tra 15,5 e 17,2  milioni di quintali (nel 2018 erano stati 17,19 milioni di quintali, quindi nel peggiore dei casi qui la produzione sarà inferiore del 9,8%). Seconda regione di produzione San Juan: attesi tra 5,5 e 6,1 milioni di quintali di uva da vino (nel 2018 erano stati 7,138 milioni di quintali). L’accuratezza di queste previsioni è secondo lo stesso INV del 90%, ma imprevedibili eventi climatici, come la grandine, potrebbero portare a un’ulteriore diminuzione del raccolto.

FEB

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top