Argentina, buono l’export di vino del primo semestre 2019

Fatturato complessivo FOB di 387 milioni di dollari (+2,9%). Le spedizioni volume del vino confezionato crescono del 7,1%, quelle di vino sfuso del 152%

L’argentino Instituto Nacional de Vitivinicultura (INV) ha pubblicato la scorsa settimana il suo bollettino mensile sul commercio estero. Il documento raccoglie i dati sulle spedizioni di vino e mosti argentini per il mese di giugno ultimo scorso e per tutto il primo semestre 2019.

Nei primi sei mesi del 2019, in termini di volume, il commercio di vino argentino confezionato è cresciuto del 7,1% rispetto al primo semestre 2018 (rosso +7,8 e bianco +3,3%), il commercio di vino sfuso del +151,9% (rosso +131,6% e bianco +184%).

Il fatturato FOB complessivo del primo semestre delle esportazioni di vino e mosti è stato di 447,5 milioni di dollaro, +2% vs gen-giu 2018. Escludendo i mosti, le esportazioni valore di vino hanno accumulato un fatturato FOB di quasi 387 milioni di dollari statunitensi +2,9%.

Nel solo mese di giugno le esportazioni di vino confezionato perdono il 2,1% in termini di volume vs 06/2018 (+0,4% per i rossi e -14,6% per i bianchi). Cresce invece anche a giugno l’export di sfuso +226,6% (rosso +236,5%, bianco +203,8%).

Il fatturato FOB complessivo delle esportazioni di vino e mosti è stato di 71,242 milioni di dollari statunitensi (-6,4% vs 06/2018); la perdita di fatturato per la sola categoria vino (varietali, senza indicazione di varietà, spumanti e altri vini) è stata valutata in un -4,3%, per un fatturato totale FOB di 60,25 milioni di dollari statunitensi.

FEB

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top