Anche la Cina avrà le sue Doc

La China Alcoholic Drinks Association ha creato il marchio di qualità “Château-style” allo scopo di rilanciare il vino cinese. Coltivazione, vinificazione e imbottigliamento dovranno essere fatti all’interno dell’azienda di produzione

cina vigneti

La China Alcoholic Drinks Association (CADA) ha annunciato lo scorso 3 giugno, durante una conferenza stampa, la creazione del marchio “Château-style” che contrassegnerà i vini cinesi che rispettano le norme di produzione e qualità richieste dall’autorità cinese per la produzione di alcolici (la stessa CADA).

L’adozione del nuovo marchio ha lo scopo di rilanciare l’immagine della produzione locale e potrà essere utilizzato da tutti i produttori che saranno in grado di garantire gli standard CADA, tra cui la coltivazione delle uve in vigneti propri, e la vinificazione e l’imbottigliamento in azienda. Sarà poi necessario che le uve siano poste nelle vasche di fermentazione lo stesso giorno in cui sono state raccolte, e la che la cantina abbia una capacità produttiva di almeno 70 tonnellate all’anno. Le linee guida della denominazione “Château-style” ricalcano quelle di produzione in vigore negli Stati Uniti.

Sul sito web della China Alcoholic Drinks Association i consumatori potranno segnalare eventuali problemi o irregolarità riscontrate sui vini recanti questo marchio di qualità.

FEB

Related posts

Commenta questo articolo

Commenta questo articolo con Facebook

Top